fbpx

Gioia Tauro (Rc): incontro con il Ministro De Vincenti sulla istituzione della Zona Economica Speciale al Porto [FOTO]

  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
  • Mario Tosti
    Mario Tosti
/

Incontro con il Ministro De Vincenti sulla istituzione della Zona Economica Speciale al Porto di Gioia Tauro

Mario Tosti

Mario Tosti

“Abbiamo costruito la norma generale sul modello proposto dalla Regione Calabria. Entro l’estate sarà approvata la legge quadro sull’istituzione della ZES, i cui contenuti sono in corso di concertazione con l’Unione Europea. Gioia Tauro ha le carte in regola per essere la prima ZES.” E’ quanto ha affermato il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti- informa un comunicato dell’Ufficio stampa della Giunta-  nel corso di un incontro convocato dal Presidente della Regione Mario Oliverio nella mattina, a Cosenza , presso l’ex centro Inapli, allargato alle parti sociali, in merito alla istituzione della Zona Economica Speciale per il Porto di Gioia Tauro. “ L’incontro di stamane- ha rilevato il Presidente Oliverio- ha registrato un concreto passo in avanti in direzione della realizzazione della ZES come strumento per il rilancio del Porto e dell’area retroportuale.” ” Ho chiesto al  Ministro De Vincenti questo incontro con le parti sociali  –  ha proseguito-   per affrontare uno degli aspetti fondamentali per  il rilancio dell’infrastruttura portuale di Gioia Tauro che è quello della istituzione della Zone  Economica Speciale.  Noi abbiamo avanzato una proposta precisa anche dal punto di vista legislativo, una proposta che riteniamo compatibile anche con gli orientamenti della Commissione Europea. C’è stato un impegno già in occasione della sottoscrizione dell’Accordo di Programma su Gioia Tauro il 27 luglio scorso tra la Regione, il Governo e le forze sociali, i sindacati, le organizzazioni degli imprenditori;  oggi abbiamo bisogno di accelerare, ecco perché ho chiesto l’incontro al ministro. La settimana scorsa c’è stato un incontro presso il Ministero delle Infrastrutture per affrontare il problema degli esuberi ed il  ministero stesso ha assunto l’iniziativa di aprire una interlocuzione con l’ impresa e le organizzazioni sindacali. Il primo tavolo si è tenuto  ieri, ci auguriamo che questa  mediazione del Governo possa contribuire a creare un clima di tranquillità perché l’infrastruttura portuale di Gioia Tauro deve essere rilanciata nell’interesse del Paese e per l’Europa,  perché il Porto di Gioia  Tauro è la porta del Paese sul Mediterraneo. “

“ Riteniamo che occorra realizzare gli impegni sottoscritti nell’accordo di programma- ha rimarcato Oliverio-  e per questo abbiamo messo risorse della Regione, perché si realizzi un bacino di carenaggio nell’ambito dell’area portuale che consenta non solo di rendere più attrattivo il Porto,  ma anche di creare opportunità di lavoro, così come crediamo fondamentale che si costruisca finalmente la intermodalità attraverso la realizzazione dei collegamenti ferroviari, viari,  che abbiamo proposto  per i quali abbiamo allocato risorse nell’accordo di Programma, con il Porto”. “ Il Porto di Gioia Tauro- ha concluso Oliverio-  deve uscire dalla condizione di compressione nella quale è stato mantenuto nel corso di un lungo periodo,  per aiutare il Paese a crescere e la Regione a poter cogliere questa opportunità. L’incontro di oggi con il Ministro è stato importante”. All’incontro erano,  tra gli altri,  presenti le Deputate Enza Bruno Bossio e Stefania Covello, l’Assessore alla Logistica, sistema portuale regionale e “sistema Gioia Tauro” Francesco Russo, il consigliere regionale  Domenico Bevacqua, alcuni dirigenti regionali.