fbpx

Brogli elettorali alle comunali di Reggio Calabria, nuovo divieto di dimora per Castorina: dovrà lasciare la città

antonino castorina

Inchiesta sui brogli elettorali a Reggio Calabria: divieto di dimora in città per il consigliere comunale Castorina

Torna al divieto di dimora a Reggio Calabria il consigliere comunale di Reggio Nino Castorina, coinvolto nell’inchiesta sui presunti brogli che sarebbero avvenuti in occasione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale del settembre del 2020. Lo ha deciso il gip Stefania Rachele, accogliendo la richiesta del procuratore di Reggio Giovanni Bombardieri e del sostituto Paolo Petrolo che hanno coordinato le indagini della Digos da cui era emerso che alle comunali avrebbero votato un centinaio di anziani che in realta’ non si sono mai recati al seggio. In alcuni casi si trattava di persone addirittura decedute.

Dopo un periodo di arresti domiciliari e due ordinanze di custodia cautelare, la misura del divieto di dimora era stata revocata dal gip il 14 giugno scorso per decorrenza termini. Pendeva, pero’, un procedimento davanti al tribunale del Riesame perche’ per alcuni reati il gip aveva concesso la scadenza termini contro il parere della Procura. Il Riesame quindi aveva dato ragione ai pm e nei giorni scorsi la Cassazione ha confermato quel provvedimento che ha obbligato quindi Castorina a lasciare la citta’ di Reggio Calabria.

A luglio la Procura aveva notificato a 35 persone l’avviso di conclusione indagini. Stando all’inchiesta della Digos, i brogli sarebbero stati messi in atto grazie ai duplicati delle tessere elettorali ritirati negli uffici comunali da Castorina e dal suo entourage. Castorina e’ accusato, in particolare, di essere stato “promotore, organizzatore e capo indiscusso” di un’associazione per delinquere finalizzata a “commettere piu’ delitti in materia elettorale” finalizzati ad ottenere l’elezione dello stesso Castorina nel consiglio. L’ex capogruppo del Pd, stando sempre all’accusa contestatagli, avrebbe mantenuto “i rapporti con gli altri accoliti”, ai quali avrebbe dato “personalmente direttive in ordine al modus operandi da porre in essere per la materiale contraffazione dei registri e delle schede elettorali”.