fbpx

Brogli elettorali, Palmara (Reggio Futura): “l’assessore alla legalità, se c’è, svolga il suo ruolo”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Palmara (Reggio Futura): “l’inchiesta sui brogli elettorali si sta allargando a macchia d’olio”

“Apprendiamo dalle cronache cittadine che l’inchiesta sui brogli elettorali si sta allargando a macchia d’olio: è di poche ore fa la notizia che sono state emesse altre misure cautelari a carico di nuovi soggetti indagati per alterazione del voto, falsità ideologica in atto pubblico e abuso d’ufficio”. E’ quanto scrive in una nota il Presidente, avv. Italo Palmara. “Rileviamo però tristemente che a tanto clamore mediatico si contrappone un imbarazzante silenzio tombale sull’argomento da parte dell’Amministrazione cittadina che dapprima ha tentato di minimizzare, poi, di fronte all’evidenza dei fatti e al proliferare di avvisi di garanzia e di misure cautelari, ha pensato bene di chiudersi a riccio. In tutto questo, il silenzio che più fa rumore è quello della Dottoressa Rosanna Scopelliti, Assessore alla legalità della giunta comunale. Nessuno più di lei dovrebbe avere titolo per muoversi e promuovere iniziative volte ad aiutare gli inquirenti a far luce sull’accaduto. Tanto per dirne una, fossimo al posto della Scopelliti, avremmo già attivato uno sportello per consentire ai cittadini di verificare la propria posizione elettorale, dando così la possibilità a chi non si è recato alle urne di verificare se risulta avere votato o meno. Uno strumento del genere avrebbe una doppia valenza: da un lato sarebbe indice di trasparenza e di rispetto nei confronti degli elettori, dall’altro potrebbe essere d’aiuto agli inquirenti per far comprendere quante sezioni e quante schede sono state coinvolte in questa operazione truffaldina. E invece ad oggi l’Assessore alla legalità non ha inteso nemmeno degnare di risposta le richieste (formalizzate anche a mezzo pec) del Comitato “Reggio non si broglia” (a cui Reggio Futura naturalmente ha aderito). A questo punto è d’obbligo comprendere chi ha voglia di fare piena luce su questa vicenda e chi invece preferisce che l’oblio abbia la meglio. Ed è vero che le indagini le fa la Procura e non la politica, ma è altrettanto vero che se la politica ha la possibilità di mettere in campo strumenti che potrebbero tornare utili alle indagini e non lo fa, diventa giocoforza corresponsabile (quantomeno dal punto di vista morale) di quelle azioni illecite”, conclude la nota.