fbpx

Reggina, la sede in Via Osanna non esiste più: tutte le FOTO degli interni del fu quartier generale. Trasferimento al Sant’Agata

  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
/

Trasferimento degli uffici al Sant’Agata per la Reggina, la sede centrale in via Osanna non esiste più: tutte le foto di StrettoWeb

La sede della Reggina in Via Osanna non esiste più. Quello che è stato per circa un anno e mezzo il quartier generale del club, in pieno centro cittadino, è in fase di smobilitazione. Tutti gli uffici sono adesso al Sant’Agata, luogo – per una vita – della quotidianità amaranto. Ora, insieme a prima squadra, giovanili e scuola calcio (quando potranno tornare) ci saranno anche segreteria, area stampa e area marketing, con la supervisione della dirigenza. Come ai vecchi tempi. Già tanti oggetti sono stati smontati e trasferiti da un posto all’altro, mentre altri si trovano ancora negli interni della ormai fu sede. La dimostrazione è tutta nelle immagini di StrettoWeb in alto a corredo dell’articolo, dove si può vedere lo stato di abbandono di alcuni strumenti che – presumibilmente – verranno presto tolti da lì. La notizia era ormai nell’aria da diverse settimane, ma i locali non erano ancora stati smantellati.

Come ai vecchi tempi, dicevamo. Perché ai vecchi tempi, quelli della gestione Foti, l’area tecnica e amministrativa è stata sempre tutta concentrata al Sant’Agata, centro sportivo all’avanguardia, considerato tra i migliori del Sud Italia, rinnovato nel tempo e reso sempre più funzionale. Un tocco in più, poi, lo ha dato la gestione Gallo, con la ristrutturazione di alcune aree abbandonate dopo il sequestro e la successiva riqualificazione “ridotta”. Adesso il centro sportivo è tornato ad essere un gioiello da custodire, motivo in più per sfruttarlo al massimo e nella sua totalità, senza l’eccessivo bisogno di dover attingere a risorse economiche in più per pagare locali non di proprietà, ingente spesa aggiuntiva in un momento storico – a livello economico – in cui è meglio evitare passi troppo lunghi. La prossima apertura del nuovo store ufficiale in provincia, a tal proposito, si muove in una direzione diversa, legata alla presenza di altri introiti dopo aver speso tanto per quasi due anni. E, come scrivemmo qui mesi fa, con la presenza del pubblico tante cose sarebbero potute essere diverse…

Reggina, senza tifosi la perdita è importante: la previsione in numeri (e milioni di euro)