fbpx

Le Ricette di StrettoWeb – Cicoria e fagioli alla calabrese

/

Le ricette di StrettoWeb: ricetta e tradizione della cicoria e fagioli alla calabrese

Una ricetta tipica della Calabria, questa, che custodisce le proprietà depurative e detossinanti della cicoria. Questa erba, che cresce spontaneamente nelle nostre campagne, è il simbolo di una cucina genuina che la vede, da sempre, protagonista nelle minestre con i legumi oppure semplicemente ripassata in padella con olio, aglio, peperoncino e pangrattato. 

Difficoltà: facile

Preparazione: 10 minuti

Cottura: 30 minuti

Porzioni: 4 persone

Costo: basso

INGREDIENTI

1 Kg di cicoria

500 gr. di fagioli borlotti

2 spicchi d’aglio

Peperoncino

Olio extravergine di oliva

Sale

Preparazione

Se utilizzate i fagioli secchi metteteli a bagno la sera prima con un pizzico di bicarbonato. La mattina dopo cambiate l’acqua e metteteli in una pentola capiente con altra acqua ed uno spicchio d’aglio da togliere al termine della cottura. Lavate la cicoria, sbollentatela velocemente in acqua salata e, appena si sarà ammorbidita, mettetela a scolare. Fate rosolare per pochi minuti uno spicchio d’aglio ed il peperoncino in un tegame con l’olio, aggiungete i fagioli lessati e lasciateli qualche minuto, unite anche la cicoria, il sale e un po’ d’acqua e fate cuocere a fiamma bassa e col coperchio per 20 minuti mescolando di tanto in tanto.

Conservazione

La cicoria con i fagioli si conserva in frigo per 1 o 2 giorni al massimo.

Curiosità e benefici di questo piatto

Pianta conosciuta da sempre per le sue proprietà curative, la cicoria era utilizzata dai medici greci per guarire le malattie del fegato; le sue foglie sono un concentrato di principi depurativi e drenanti e le radici, che una volta erano utilizzate per realizzare una bevanda simile al caffè, hanno un alto contenuto di polifenoli antiossidanti. Un piatto semplice e genuino, questo, che unisce i fagioli alla cicoria: i borlotti, nutrienti e proteici, in passato venivano consumati soprattutto dai contadini perché sostituivano la carne. Oltre le proteine vegetali questi legumi preziosi racchiudono vitamine, minerali e fibre.

l consiglio della zia

Un pizzico di ‘nduja ed i crostini di pane tostato rendono il piatto più gustoso e croccante.