fbpx

Giro d’Italia 2020 – Nibali risponde a Fuglsang, altro che gelosia: “se avessi attaccato per lui si sarebbe messa male”

Foto di Tim de Waele / Getty Images

Vincenzo Nibali risponde alle dichiarazioni di Jakob Fuglsang: altro che gelosia e pressione, se lo ‘Squalo’ avesse attaccato davvero per il danese sarebbero stati dolori

Al termine della 7ª tappa alcune dichiarazioni rilasciate da Jakob Fulgsang ad un giornale danese avevano fatto molto discutere. Il ciclista dell’Astana aveva lanciato diverse frecciatine ai danni di Vincenzo Nibali, parlando di una presunta gelosia dello ‘Squalo’ nei suoi confronti, sfociata in un totale silenzio fra i due.

Quest’oggi Nibali ha voluto rispondere facendo chiarezza: “cosa posso dire, ieri gli ho anche scritto, sono delle condizioni di corsa. Siamo anche amici, le nostre mogli si sentono spesso. C’è stato anche un po’ di peperoncino da parte dei giornalisti danesi. Io in corsa sono sempre rimasto concentrato. L’articolo dice tutto l’esatto contrario. Bisogna rimanere concentrati sulla corsa come fatto fino adesso. Ieri ha detto che l’ho attaccato, ma noi abbiamo semplicemente affrontato la discesa davanti, poi in fondo ci siamo fermati. Se avessimo voluto attaccare, per lui si sarebbe messa molto male. Sono polemiche sterili”.