fbpx

Fiorentina, vulcano Commisso: “Un povero immigrato calabrese è dovuto tornare in Italia per ‘finanziare’ gli Agnelli”

commisso fiorentina Gettyimages / Paolo Rattini

Il solito, vulcanico, Rocco Commisso: il presidente della Fiorentina, parlando di Chiesa, ha lanciato ironicamente una frecciata alla Juve

Ogni volta che parla, Rocco Commisso fa parlare di sé. Mai banale il presidente della Fiorentina, genuino, sincero e oltre le righe. Ma, anche per questo, già diventato un personaggio all’interno del panorama del calcio italiano. Il patron di origini calabresi, tornando a parlare di Chiesa, oltre a lanciare una frecciata al figlio d’arte ha espresso una battuta riguardo la Juventus e la famiglia Agnelli.

“Chiesa? Mi viene detto che potevo cederlo un anno fa – ha detto ell’emittente toscana Rtv38 – ma nessuno mi aveva presentato una vera offerta. Sono però deluso per come si è comportato con me, abbiamo dovuto mandare i documenti a Coverciano perché non voleva venire al centro sportivo per firmarli. Suo padre mi ha mandato un messaggio ma non Federico. La Juve? Un povero immigrato calabrese è dovuto tornare in Italia per ‘finanziare’ gli Agnelli, accettando che gli venisse pagato un giocatore in più anni“.