fbpx

Emergenza migranti, Musumeci: “Mercoledì da Conte mi aspetto decisioni forti: stato di emergenza, ponte aereo e vero controllo del canale di Sicilia”

migranti

Sicilia, emergenza migranti. Ferme le posizioni del Presidente della Regione Siciliana in prospettiva dell’incontro di mercoledì con il Premier Conte: “La Sicilia non può pagare da sola il prezzo dell’indifferenza dell’Europa. Basta”

A Lampedusa la situazione è ancora drammatica. Hotspot con oltre 800 persone e quasi 400 nella casa della fraternità. Una condizione di vera emergenza che, a denti stretti, finalmente riconosce anche il Viminale”. Così il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a seguito della richiesta di colloquio, previsto per mercoledì 2 settembre, da parte del Premier Conte ed estesa anche a Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa.

A Pietraperzia ieri sono stati contagiati in 9 presso il centro di accoglienza. Ed è in corso il trasferimento dei positivi da un altro centro di accoglienza in provincia di Siracusa. Il bollettino potrebbe ulteriormente continuare.
Al presidente del Consiglio mercoledì darò un quadro molto chiaro. Al quale mi auguro (e sono certo) vorranno seguire decisioni forti: ‘stato di emergenza’ per Lampedusa, ponte- aereo e un vero controllo del Canale di Sicilia. E, soprattutto, no alle tendopoli ed a soluzioni similari. Rispetto della prevenzione sanitaria e del diritto alla salute di tutti. La Sicilia non può pagare da sola il prezzo dell’indifferenza dell’Europa. Basta
”.