fbpx

Licenziamenti Atm: per il Centro dell’Impiego di Messina serve una Clausola di Salvaguardia

Messina: Filt Cgil Uiltrasporti e Cub trasporti invitano a procedere con senso di responsabilità seguendo scrupolosamente le normative a tutela dei 461 lavoratori. Niente salti nel buio ma senso di responsabilità verso i lavoratori

Il Centro dell’Impiego di Messina ribadisce la necessità della presenza di una Clausola di Salvaguardia nel contratto di Servizio prima di procedere al licenziamento dei lavoratori Atm.
Filt Cgil Uiltrasporti e Cub trasporti sottolineano che “il requisito della clausola di salvaguardia che oggi non è stato inserito nel contratto di servizio votato solo lo scorso 30 dicembre dal consiglio comunale, così come da queste organizzazioni evidenziato in sede protetta – è strumento indispensabile per avere certezza e garanzia giuridica che il transito dei 461 dipendenti da Atm in liquidazione possa avvenire in Atm spa secondo quanto previsto dalle clausole sociali contrattuali a tuela dei diritti maturati. Pertanto non sarebbe sufficiente come strumento giuridico la sola clausola prevista nel contratto nazionale”.
Auspichiamo che tutto il percorso intrapreso sia svolto nella massima serenità e regolarità – continuano i sindacati – senza cercare scorciatoie o forzature interpretative delle norme che non garantirebbero i giusti diritti dei lavoratori. L’amministrazione comunale operi per trovare gli strumenti giuridici necessari senza far dettare il tempo dal solito capestro strumentale degli stipendi, ed il Consiglio Comunale, nuovamente chiamato in causa tramite atto di indirizzo, vigili sul percorso a garanzia dei dipendenti e a tutela dell’ente per i possibili contenziosi che potrebbero scaturire da eventuali errori procedurali”.