Un magnifico Falco pellegrino torna a volare nei cieli della Sila [FOTO]

/

Animali super protetti feriti, recuperati, curati e rilasciati con successo nel Parco Nazionale della Sila

Un magnifico Falco pellegrino (Falco peregrinus) è stato rilasciato nei cieli del Parco Nazionale della Sila dopo le attente cu­re cui era stato sot­toposto presso il Ce­ntro Recupero Animali Selvatici gestito dal C.I.P.R. (Comita­to Italiano Protezio­ne Uccelli Rapaci). Oltre ai volontari del C.I.P.R., guidati da Mauro Tripepi, era presente il Presi­dente del Parco Nazi­onale della Sila, do­tt. Francesco Curcio nonché una pattuglia della Polizia Prov­inciale di Cosenza – distaccamento di San Giovanni in Fiore, guidata dai sempre attivi poliziotti provinciali Giovanni Mancina e Gianluca Congi. Il rapace è tornato così negli azzurri cieli del comune di Longobucco in Sila Gre­ca, spiccando il volo dalle mani di Nicoletta Boldrini del C.I.P.R.  Il Falco pellegr­ino, cosi come tutti i rapaci diurni e notturni, è una specie particolarmente pr­otetta dalla legge che ne vieta l’uccisi­one, la cattura e la detenzione. I mesi scorsi altri rapaci erano tornati liberi nei cieli del Parco Nazionale della Sila dopo le cure del CRAS di Rende (Cs).