fbpx

Pd-M5S, arrivano conferme ufficiali sull’accordo anche alle elezioni Regionali: “sì, dialogheremo insieme”

Di Maio-Zingaretti LaPresse/Fabio Cimaglia

La conferma arriva dal segretario Dem dell’Emilia Romagna: “Sulle alleanze pronti a dialogare con tutti, compreso il Movimento 5 Stelle”

L’accordo PD-M5S al governo avrà ripercussioni anche sulle elezioni regionali. Ad aprire con prudenza ad un futuro accordo in vista delle prossime elezioni regionali è il segretario del PD in Emilia Romagna Paolo Calvano, che intervistato all’Agi ha dichiarato che “sulle alleanze non scattera’ nessun automatismo, nessun elemento meccanico che porta a dire ‘quello che si fa a Roma si fa anche sui territori’. Pensiamo che non si debba rincorrere nessuno ma si debba essere, al contempo, pronti a dialogare con tutti, compreso il Movimento 5 Stelle. Soprattutto quando il dialogo e’ sugli obiettivi, sui programmi e sui valori. In questa legislatura sono obiettivamente gia’ emersi alcuni elementi che hanno visto Pd e 5 Stelle votare insieme. Penso al provvedimento sul taglio dei costi della politica in Regione, o alla legge contro le discriminazioni. Lo stesso Movimento 5 Stelle – ha osservato ancora il segretario dem – dice che Bonaccini ha messo in campo provvedimenti che, loro per primi, avevano proposto; lo dicono spesso in polemica pero’ c’e’ un elemento di fatto: sono provvedimenti in cui i 5 Stelle credevano e che la giunta Bonaccini ha fatto”. Con il M5S “fratture e scontri ci sono stati e forse si saranno ancora. E’ chiaro – ha spiegato Calvano – che su alcuni temi occorre vedere se queste distanze si ridurranno o si amplificheranno“. Secondo il segretario dem un terreno in cui ci potrebbero essere margini di trattativa è il percorso sull’autonomia differenziata intrapreso dalla Regione. “L‘autonomia in salsa emiliano-romagnola non toglie un euro a nessuno e consente di usare al meglio le risorse che gia’ oggi sono utilizzate per la regione. Per quanto riguarda la scuola – ha chiarito Calvano – la nostra proposta e’ assolutamente distante da una regionalizzazione dei docenti perche’ la scuola e’ una e nazionale”.

Secondo Calvano per il voto alla elezioni regionali non deve pero’ essere ‘contro’ la Lega, ma basata sul “fare” e sulla condivisione di un programma. “Le alleanze ‘contro’ non hanno mai funzionato piu’ di tanto, rischiano di essere operazioni dal fiato corto. Le alleanze hanno senso – ha detto – se c’e’ una condivisione sulle cose da fare. La logica dell’allearsi contro il nemico comune, non appartiene all’Emilia Romagna perche’ vogliamo essere una regione del fare“.  E in merito alla Lega, il segretario PD ha infine dichiarato: “Noi abbiamo rispetto per tutti ma non abbiamo paura di nessuno. Quindi non sara’ la paura a determinare le nostre alleanze ma saranno i programmi”.

Una eventuale alleanza M5S-PD, a nostro avviso, potrebbe avere le strada spianata anche in Calabria, in vista delle prossime elezioni regionali e comunali.