Sport civiltà: momenti di gloria per l’unvs a Parma

Lo storico Teatro Regio di Parma, gremito in ogni ordine di posti, ha applaudito la 42a edizione di Sport Civiltà, il sontuoso evento indetto dall’UNVS di casa, presieduta da Corrado Cavazzini, che ogni anno premia atleti e personaggi del mondo imprenditoriale che si sono particolarmente distinti. Dopo aver ricordato la scomparsa del grande regista Bernardo Bertolucci e dell’imprenditore amico della bicicletta Tarcisio Persegona, la serata condotta da Massimo De Luca, si è aperta con il saluto di Cavazzini, e via via, accolti dall’Orchestra Toscanini, con l’intervento dei premiati. Ha cominciato il Parma Calcio, sulle note dell’Aida, protagonista di un miracolo sportivo che l’ha vista ritornare in serie A grazie a tre promozioni record, risalendo dalla categoria dilettanti. Alessandro Lucarelli, bandiera del sodalizio rossocrociato e il sindaco Federico Pizzarotti hanno caratterizzato la bella impresa. Quindi in successione, è toccato all’arrampicatore Maurizio “Manolo” Zanolla, all’imprenditore Alfredo Ambrosetti (premiato da Vittorio Adorni), e poi Beppe Bergomi, proseguire nell’ elenco dei riconoscimenti assegnati. Bergomi, protagonista anche di un divertente siparietto con il comico Dario Vergassola, è stato premiato da altro campione neroazzurro e della Nazionale, ovvero Roberto Boninsegna. Tra stacchi di alto spettacolo di danza, musica e acrobazia, l’evento è quindi proseguito con Umberto Pelizzari, uomo che scende in fondo ai mari in apnea realizzando non soltanto record, ma scoprendo anche nuove dimensioni interiori. Il giornalista Federico Buffa di Sky è stato invece omaggiato per la sua formidabile capacità narrativa, mentre un’avventurosa nuotatrice avvocato, Laura Peron ha conquistato la platea raccontando le sue sfide impossibili, a cominciare da quella compiuta sulle difficili acque del fiume Hudson, affrontate per miglia e miglia nel perimetro della Grande Mela di New York. Intervistata dalla conduttrice Francesca Strozzi, ha ricevuto il Premio Speciale dal presidente nazionale dei Veterani dello Sport Alberto Scotti. Dal mare alle montagne, per rivivere le Olimpiadi Paralimpiche 2018 coreane con lo sciatore Giacomo Bertagnolli e la sua guida Fabrizio Casal. Poi, dulcis in fundo, è l’ex giocatore di baseball Giorgio Castelli, campionissimo degli anni ’60-70, a concludere trionfalmente una manifestazione, più che mai punta di diamante dell’intensa attività svolta dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport.