Omissione di atti d’ufficio e reati ambientali, avviso di garanzia per l’ex sindaco di Messina Renato Accorinti e l’ex assessore Ialacqua

Discarica di Portella Arena: la Procura di Messina ha notificato un avviso di garanzia nei confronti dell’ex sindaco e dell’ex assessore all’ambiente, coinvolte altre cinque persone tra cui dirigenti comunali

 

Ci sono anche l’ex sindaco di Messina Accorinti e l’ex assessore all’Ambiente Ialacqua tra i destinatari degli avvisi di garanzia notificati dalla Procura delle città dello Stretto e legati alla vicenda delle gestione e messa in sicurezza dell’ex discarica di Portella Arena all’Annunziata. L’avviso è stato notificato anche ad altre cinque persone, tra cui dirigenti comunali con l’accusa, a vario titoli, di omissioni di atti d’ufficio e reati ambientali.

Durante i cinque anni di mandato, l’Amministrazione Accorinti aveva provveduto ad un avviare un progetto per la messa in sicurezza della discarica, a fronte del pericolo di fuoriuscita del percolato. Il progetto di riqualificazione della discarica, chiusa da circa 20 anni, però non sarebbe mai stato portato a termine.

L’ex sindaco di Messina ha dichiarato di riporre massima fiducia nel lavoro della magistratura: Nella nostra azione amministrativa – scrivono Accoriti e Ialacqua – a servizio della citta’ abbiamo ereditato questa criticita’ ventennale e abbiamo costruito e avviato il percorso per la definitiva conclusione della messa in sicurezza della discarica di Portella Arena. Durante l’amministrazione Accorinti, infatti, si e’ sbloccato l’iter progettuale della messa in sicurezza dell’ex discarica, si sono recuperati i finanziamenti necessari e si e’ sopperito tramite il masterplan al taglio di un finanziamento regionale, si e’ approvato il progetto dell’intervento e sono stati inviati gli atti per la pubblicazione della gara, avvenuta pochi mesi fa. Siamo dunque certi che in tempi brevi si potra’ pervenire all’accertamento della verita’ sui fatti e sulle azioni amministrative da noi poste in atto“.