Reggio Calabria, ecco l’AppWeb “Castello Aragonese”: da oggi via alle visite virtuali [FOTO e INTERVISTA]

L’AppWeb consentirà ai visitatori di poter effettuare una visita virtuale del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Presentata stamani l’AppWeb “Castello Aragonese”, un progetto volto alla realizzazione di una fruibile e accessibile applicazione informatica che consentirà ai visitatori di poter effettuare una visita virtuale del Castello Aragonese di Reggio Calabria. L’iniziativa maturata nell’ottica della valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del Comune, vede protagonisti i ragazzi del Liceo Scientifico “L. da Vinci” di Reggio Calabria, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria, la società SMARTS Srl (Spin Off dell’Università Mediterranea, Facoltà di Ingegneria), e il Rotary Sud “Parallelo 38”. La presentazione è avvenuta presso il Castello Aragonese di Reggio Calabria, presenti il sindaco Giuseppe Falcomatà e l’assessore alla Valorizzazione, Irene Calabrò. Quest’app permetterà, soprattutto ai più giovani, di conoscere la storia e l’evoluzione del Castello Aragonese nel corso dei secoli.

L’iniziativa, maturata nell’ottica della valorizzazione, anche tramite strumenti multimediali, della valorizzazione del patrimonio artistico-culturale della nostra città, si inserisce anche nel progetto internazionale DiCultHer, un accordo di rete che aggrega oltre sessanta istituzioni formative, con lo scopo di fornire gli strumenti per la fruizione dei beni culturali attraverso strumentazioni digitali. Il percorso formativo, corrispondente a 50 ore di alternanza scuola-lavoro da computare nell’arco del triennio, consentirà agli studenti delle classi terze e quarte di realizzare non solo un’interessante attività culturale, ma anche un’esperienza professionale estremamente innovativa da inserire nel proprio curriculum vitae. Le ore si svolgeranno in orario pomeridiano, sia nel corso di riunioni organizzative, sia nell’ambito dell’attività di organizzazione e produzione del materiale richiesto da svolgere individualmente a casa o scuola. Gli studenti saranno suddivisi in gruppi di lavoro e si occuperanno delle differenti fasi di elaborazione dell’App: elaborazione materiale informativo, traduzione dei testi in lingua straniera e nel linguaggio dei segni, realizzazione targhette QR code, produzione materiale fotografico e video, supporto informatico.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato