Serie A: Napoli senza problemi, Immobile trascina la Lazio, Crotone ko

LaPresse/Francesco Mazzitello
LaPresse/Francesco Mazzitello

LaPresse/Francesco Mazzitello

Nel primo weekend del 2018, la Serie A scende in campo anche nel giorno dell’Epifania per la 20 giornata di campionato, la prima del girone di ritorno; si parte di venerdì con gli anticipi Chievo-Udinese e Fiorentina-Inter terminati entrambi sul risultato di 1-1. Nel pomeriggio di oggi sono stati disputati 6 match : Torino-Bologna alle 12:30; Napoli-Hellas, Lazio-SPAL, Milan-Crotone, Genoa-Sassuolo e Benevento-Sampdoria alle 15.

Comincia con una netta vittoria l’avventura di Walter Mazzarri sulla panchina del Torino; i granata sconfiggono il Bologna per 3-0 al termine di un match a senso unico. I padroni di casa passano in vantaggio prima della fine del primo tempo con un gran colpo di testa di De Silvestri sugli sviluppi di un calcio di punizione; ad inizio ripresa Sirigu neutralizza il rigore di Pulgar e, pochi minuti dopo, il Torino chiude i giochi con Niang che trafigge Mirante per il 2-0 sfruttando l’assist al bacio di Iago Falquè. Nel finale proprio lo spagnolo si mette in proprio e realizza il gol del 3-0 finale.

Continua a vincere senza affanni anche il Napoli che mette alle corde l’Hellas Verona sin dal calcio d’inizio e crea occasioni a ripetizione senza però concretizzarle; ad inizio ripresa allora ci pensa il muro difensivo Kalidou Koulibaly a svettare sul corner battuto da Mario Rui per siglare il meritato vantaggio partenopeo che fa esplodere il San Paolo. Nel finale torna al gol Josè Maria Callejon che pone la parola fine sul match. L’incontro termina dunque per 2-0 ma lo scarto sarebbe potuto ,essere più ampio se gli azzurri fossero stati più precisi sotto porta.

A Ferrara va in onda lo show di Ciro Immobile che sigla ben 4 delle 5 reti laziali al termine di un match pirotecnico contro i padroni di casa della SPAL. Dopo 8’ minuti sono già 2 le reti segnate : al 5’ Luis Alberto nasconde il pallone agli avversari con una magia e sigla il vantaggio biancoceleste ma 3 minuti dopo Antenucci riporta il match in parità dagli 11 metri. Al 19’ Immobile sigla il 2-1 e, nel giro di 22 minuti, porta a 3 reti il suo score personale, annullando di fatto la rimonta dei padroni di casa che si erano portati sul 2-3 ancora con il loro capitano Antenucci. La Lazio va dunque al riposo sul risultato di 2-4 e, dopo appena 5 minuti della ripresa, Immobile cala la “manita” ed il poker personale sugli sviluppi di un calcio d’angolo chiudendo definitivamente il match. Con le reti di oggi, Immobile balza in testa alla classifica marcatori con ben 20 gol in 19 partite (saltò per squalifica Atalanta-Lazio).

Porta a casa i 3 punti anche il Milan di Gattuso che batte per 1-0 il Crotone davanti ai propri tifosi. Le squadre vanno al riposo sullo 0-0 : unica palla gol creata dai rossoneri che colpiscono un palo dopo uno straordinario riflesso di Cordaz sulla deviazione di Calhanoglu che aveva sporcato la traettoria del pallone calciato da Suso dal limite dell’area. Nella ripresa però il Milan aggredisce subito gli avversari e al 54’ passa in vantaggio con il gol rocambolesco di Leonardo Bonucci che sigla il suo primo gol con la maglia rossonera regalando 3 punti fondamentali per continuare a credere nella rincorsa alla zona Europa.

Si allontana dalla zona retrocessione il Genoa di Ballardini che conquista i 3 punti contro il Sassuolo nel finale di gara; il Sassuolo prima colpisce un palo con Matri e dopo subisce addirittura la beffa : dalla fascia destra Biraschi pennella sulla testa di Galabinov che viene perso dai radar della retroguardia neroverde e insacca alla sinistra di un incolpevole Consigli per l’1-0 rossoblù.

Seconda vittoria consecutiva per il Benevento che ribalta i pronostici della vigilia e batte in rimonta la Sampdoria per 3-2. Allo scadere del primo tempo Caprari porta in vantaggio i doriani con un tap-in a porta sguarnita ma, nella ripresa, Coda si prende sulle spalle i campani e realizza una fantastica doppietta e serve in contropiede l’assist a Brignola per il 3-1. Non basta il gol di Kownacki nel recupero ad evitare la vittoria dei campani che raggiungono quota 7 punti ed iniziano a credere nel miracolo salvezza.

La giornata si concluderà in serata con i posticipi Roma-Atalanta alle 18 e Cagliari-Juventus alle 20:45.

 Claudio Corso