Sicilia, caso Tamajo. Spallitta (PRC): “I creatori di queste liste si assumano responsabilità”

Sicilia, Sonia Spallita sul caso Tamajo: “Gli artefici dell’organizzazione di queste liste poco trasparenti si assumano ogni responsabilità morale e politica davanti agli elettori”

sonia spallittaDe Luca e adesso anche Edy Tamajo. A pochi giorni dallo spoglio, a far parlare di sé è un esponente del centrosinistra candidato con Sicilia Futura. Tamayo, recordman di preferenze a Palermo, è accusato di aver pagato 25 euro per ciascun voto in suo favore. Il reato ipotizzato dalla Procura è pesantissimo: associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Se il reato fosse confermato sarebbe l’ennesima dimostrazione che la piaga degli “impresentabili” affligge trasversalmente quasi tutta la politica siciliana dei poteri forti e degli inciuci. Chiedo quindi a gran voce che gli artefici dell’organizzazione di queste liste poco trasparenti si assumano ogni responsabilità morale e politica davanti agli elettori. Solo così possiamo gettare le basi per un ritorno dell’etica nella politica. Nella speranza che questa emorragia di credibilità possa un giorno essere arrestata, rinnovo il mio impegno a sostegno di una politica forte e indipendente da condizionamenti di ogni genere“. Lo scrive in una nota l’avvocato Sonia Spallitta, dirigente regionale di Rifondazione Comunista e candidata all’Ars nelle ultime elezioni regionali.