A Bovalino avviato il “Violenza di genere e radici culturali: l’importanza della prevenzione”

bpvalino (1)Con questo titolo è stato avviato un importante progetto di sensibilizzazione per i ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Bovalino, guidati dagli psicologi Dott.ssa Giulia Manglaviti e Dr. Luca Barile, alla scoperta di un fenomeno che tutti noi abbiamo il compito di combattere attraverso un cambiamento culturale: LA VIOLENZA ALLE DONNE . Il progetto nasce da una sinergia tra l’Associazione Nuova Calabria, da sempre attenta a questo tema, e l’Istituto Comprensivo di Bovalino. Nell’ambizioso progetto sono stati coinvolti circa 115 alunni delle terze classi della scuola secondaria di I° grado, pronti ormai al grande salto verso le scuole superiori e verso una vita più autonoma e responsabile. Il tema della violenza alle donne è purtroppo sempre più parte integrante della nostra cronaca quotidiana. La violenza di genere non è solo un problema inerente alla sicurezza ed incolumità fisica e psicologica delle donne e dei minori che vi assistono. E’ una gravissima forma di discriminazione legata ad una cultura sessista che svilisce la donna, ne limita l’individualità, la visibilità e l’autorevolezza. E’ un problema culturale e in quanto tale appartiene a tutti, non solo alla donna, capace di infiltrarsi subdolamente in tutte le sfaccettature della vita familiare, affettiva, economica, sociale, politica, che riflette e allo stesso tempo rafforza gli stereotipi nelle relazioni tra i membri della società. Negli ultimi anni si è assistito ad un forte cambiamento sociale cui non ha fatto seguito spesso il cambiamento culturale individuale, mantenendo opinioni e mentalità che ancora tendono a privilegiare la preminenza maschile contrapponendola alla dipendenza femminile permettendo alla violenza di genere un cammino ancora fertile. Occorre quindi agire da subito per favorire una nuova dimensione culturale che sposi nel profondo e non solo superficialmente, a parole, il concetto di “rispetto di genere”, che inculchi anche nelle nuove generazioni che parità non significa un genere contro un altro per recuperare il “potere” perduto ma che invece ad esso è strettamente legato il principio di corresponsabilità e complementarietà. Su queste tracce si muove il progetto ideato da Nuova Calabria e proposto alla Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Bovalino Dott.ssa Rosalba Zurzolo; l’intento è quello di coinvolgere attivamente i ragazzi in un percorso di scoperta di modelli relazionali “sani” e “responsabili” per favorire una cultura dei diritti della persona e modelli di relazione basati sul rispetto e l’accoglienza delle diversità. Il progetto si concluderà con un convegno sul tema organizzato da Nuova Calabria, che si terrà il prossimo 25 Novembre in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”. In quella occasione i ragazzi, alla presenza di autorità ed esperti del settore, daranno il proprio contributo culturale di contrasto alla violenza di genere presentando i lavori prodotti durante l’attività progettuale.