Pd, due soli reggini alla conferenza programmatica del partito a Portici: indicazioni importanti in vista delle elezioni [NOMI e DETTAGLI]

Pd, conferenza programmatica del partito a Portici: presenti solo due reggini, i Dem si preparano alle elezioni tra veleni e strategie

LaPresse

LaPresse

Iniziano le grandi manovre nel Partito Democratico in vista delle elezioni politiche, che, molto probabilmente, si svolgeranno in febbraio. La lotta per le candidature si fa molto pressante e a Reggio Calabria, la situazione non è per nulla semplice e scontata alla luce delle divisioni e dei litigi che sono scaturiti, come non ricordare la querelle tra Falcomatà e Marcianò (sindaco escluso dalla segreteria nazionale di Renzi a discapito dell’ex assessore). Indicazioni chiare arrivano dalla conferenza programmatica dei Dem a Portici, dove gli unici presenti dei vertici di Reggio Calabria sono stati Nicola Irto, presidente del consiglio regionale e Angela Marcianò. Assenti sia il sindaco Falcomatà e sia Sebi Romeo. Chiare indicazioni, quindi, su chi, probabilmente, punteranno i vertici nazionali del Pd in vista della tornata elettorale. Intanto prosegue la campagna di ascolto del segretario Renzi, il quale con il suo treno “direzione Italia”, sta girando l’Italia (ricordiamo le tappe di Reggio Calabria e Rosarno): ieri sui convogli Pd presenti i ministri democrat. Renzi si è fatto immortalare da fotografi e telecamere insieme ai ministri Franceschini, De Vincenti, Minniti, Madia, Fedeli e alla sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Boschi. “E’ stata – ha sottolineato l’ex premier- una tre giorni molto bella. Ringrazio tutti i ministri. Il treno riparte il 7 novembre dal nord-est, da Trieste”. “E poi – ha proseguito sorridendo – tocca anche Ferrara e Franceschini conosce a memoria tutti i collegi…”. Renzi e’ tornato sulle affermazioni fatte alla conferenza programmatica di Portici. “Il problema non e’ chi va al governo ma se ci andra’ il Pd o altri”, ha ribadito, sottolineando di aver dato ampia disponibilita’ per una alleanza larga. Il salario minimo? “Ne ha parlato Chiamparino e Pollastrini, siamo pronti a discuterne”, ha sottolineato.

LaPresse
LaPresse
LaPresse
LaPresse