Reggio Calabria: nominato il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, la soddisfazione di Marziale

marziale“Avvertire l’esigenza di nominare un Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza sul territorio amministrato è un sintomo di civiltà che deve essere salutato con estremo favore”. E’ quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante regionale, in relazione all’imminente nomina di un omologo comunale a Reggio Calabria annunciata dal sindaco Giuseppe Falcomatà. “L’era che ci è data da vivere non è tra le più semplici – evidenzia Marziale – per via di una crisi economica e sociale in senso lato che finisce per penalizzare i bambini e le fasce parimenti deboli, ecco perchè la figura di un Garante di prossimità non può che fare bene al territorio, in quanto sentinella delle lacune che nel tumulto dell’ordinaria amministrazione quotidiana possono sfuggire di mano a quanti sono preposti a governare. Nominarlo significa, per un’Amministrazione, essere disposta a non chiudere gli occhi nei confronti dei bisogni dei più piccoli ed essere, piuttosto, disposti a collaborare per alleviare il disagio e le sofferenza a quanti, fra i soggetti in età evolutiva, sono chiamati a fare i conti con realtà talvolta insopportabili”. Il Garante Marziale conclude: “Ringrazio il sindaco Falcomatà per questa assunzione di responsabilità, ringrazio Antonino Nocera, che nelle funzioni di presidente della Commissione consiliare Politiche Sociali e del Lavoro ha inteso audirmi in fase di stesura della legge comunale istitutiva del Garante e mi dico sin d’ora disponibile a fornire a chi sarà individuato a ricoprire il delicato ruolo il massimo supporto”.