Bit di Taormina, Fisascat Cisl: “occasione per destagionalizzare il turismo”

Fisascat promuove il Bit di Taormina: “Può contribuire a creare le premesse per  l’ampliamento del periodo turistico”

IMG_1825Dopo l’annuncio dell’assessore comunale al Turismo, Salvo Cilona e la conferma dell’assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, prende sempre più quota il progetto per l’istituzione della Bit di Taormina. La Borsa Internazionale del Turismo di Taormina dovrebbe articolarsi su una serie di workshop nell’arco temporale di 3 o 4 giorni e potrebbe svolgersi a gennaio anche se si parla in queste ore anche dell’eventualità di un anticipo a novembre, mese in cui a Taormina avrà luogo il G7 delle Pari Opportunità. All’evento, intanto, si dichiarano favorevoli anche il segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl Sicilia, Pancrazio Di Leo, ed il segretario generale della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino. I responsabili del sindacato hanno incontrato in questi giorni a Taormina l’assessore Barbagallo e promuovono l’idea della Bit nella località ionica.

La speranza dei lavoratori. «La Bit di Taormina – affermano Di Leo e D’Agostino – può contribuire, a suo modo, a creare le premesse per determinare la necessaria destagionalizzazione del turismo, che sollecitiamo da molto tempo. Destagionalizzare significa evidentemente creare significativi risvolti occupazionali e un allargamento del periodo lavorativo nel territorio. Sull’evento della Bit abbiamo visto che si sono espressi in termini favorevoli sia il Comune che gli Albergatori ed è importante creare le necessarie premesse organizzative in termini di sinergia operativa affinché questo momento possa realmente dare un input concreto al turismo di Taormina e soprattutto per l’ampliamento del periodo turistico nel quale confidano fortemente i lavoratori. Insieme al nostro segretario regionale della Fisascat Cisl Sicilia, Mimma Calabrò e con il segretario nazionale della Fisascat Cisl, Pierangelo Raineri, abbiamo sempre detto e ribadiamo che la Sicilia e Taormina, che ne è il simbolo e la capitale del movimento turistico, ha tutte le potenzialità per fare turismo anche in bassa stagione e questa occasione può rappresentare uno stimolo per arrivare a quell’obiettivo».