Reggio Calabria: presentato all’Università Mediterranea il corso di alta formazione in europrogettazione

img_20161014_180744È stato presentato all’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria il corso di Alta Formazione in Europrogettazione, organizzato dal dipartimento di Giurisprudenza ed Economia, dal CAT- Lab (laboratorio di Economia e management delle risorse culturali, ambientali e turistiche dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria) e dall’associazione Quality life management.

Il corso, coordinato dal direttore di CAT-Lab Michela Mantovani, si propone di realizzare un percorso formativo finalizzato a rispondere alle insoddisfatte richieste territoriali in termini di conoscenza, insegnamento, approfondimento ed aggiornamento sulle tematiche in europrogettazione.

«L’oggetto del corso – ha spiegato Massimiliano Ferrara, presidente del corso di laurea in Scienze economiche – colma un vuoto che si registrava nel nostro territorio, dove esiste una scarsa o cattiva utilizzazione delle opportunità che la programmazione europea offre ai territori svantaggiati. Spesso i bandi non si traducono in spesa. Ecco perché una formazione capace di produrre una cultura della progettazione europea è un’opera meritoria che vede l’Università come avamposto in questa nuova frontiera».

Il corso è strutturato in una relazione informativa che introduce in modo sistematico ed esaustivo la strategia europea ed il nuovo quadro di programmazione finanziaria europea, illustrando gli strumenti a disposizione. Seguiranno le attività di natura tecnico operativa con riferimento ai criteri, ai metodi, alle tecniche per la predisposizione della domanda di finanziamento e le sue modalità di presentazione, con casi pratici.

«I miei corsi – ha affermato Mantovani – non vogliono essere solamente teorici. Per questo, attraverso CAT-Lab, che supporta le attività in aula, facciamo dei programmi interattivi. Gli studenti alla fine del corso producono beni o servizi. In questo contesto vogliamo che l’università non sia una torre d’avorio, ma che abbia contatti con le aziende, per dare agli studenti possibili sbocchi lavorativi. Con il corso in europrogettazione, gli studenti – ha sottolineato – sono in prima linea nella realizzazione dei progetti sul turismo, sui beni culturali e sulle start up».

Destinatari del corso sono i possessori del titolo di Laurea (Triennale, Specialistica, Magistrale e di Vecchio Ordinamento), ai quali sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

L’iniziativa è stata sostenuta dall’Ordine degli Avvocati e dall’Ordine dei Commercialisti ed esperti contabili, tanto da avere ottenuto il riconoscimento dei crediti formativi validi per la formazione continua: 12 crediti per gli avvocati e 24 per i commercialisti. Il corso, che sarà articolato in 32 ore e si svolgerà tra ottobre e novembre presso i locali dell’Ateneo, inoltre ha avuto il patrocinio del Consiglio regionale della Calabria, di FinCalabra, della Camera di Commercio di Reggio, della Fenalc (Federazione nazionale liberi circoli) e della Cisal Servizi e consulenze S.r.l.

All’incontro nell’aula D3 dell’Ateneo, moderato dal giornalista de Il Tempo Giuseppe Sarlo, sono intervenuti anche il direttore del dipartimento di Giurisprudenza ed Economia Giuseppe Manganaro, la responsabile della Formazione dell’Ordine degli Avvocati di Reggio, Giuliana Barberi, il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Alberto Panuccio, e Massimo Ficara, rappresentante delegato dell’associazione culturale Quality life management. Le studentesse laureande Federica Romeo e Chiara Aricò hanno altresì parlato delle loro tesi di laurea. Romeo, in particolare, è la prima studentessa che ha elaborato la sua tesi sperimentale in “Finanziamenti diretti e indiretti per la Calabria”.

Nel corso dell’incontro è stato premiato Andrea Fiore, studente vincitore del premio Young Calabria Project con una borsa di studio per il corso di alta formazione in europrogettazione, donata da “Quality Life Management”.