Calabria Ora, Regolo: “ecco cosa mi chiesero per impedire l’uscita dello scoop su Gentile”

L’ex direttore di Calabria Ora ha dichiarato cosa gli fu chiesto per impedire l’uscita dello scoop su Andrea Gentile

calabria-oraEcco che cosa e’ successo la notte del 18 febbraio 2014 quando il giornale non e’ uscito in edicola“. A dichiararlo dinanzi al Tribunale di Cosenza l’ex direttore del quotidiano L’Ora della Calabria, Luciano Regolo. La pubblicazione, secondo quanto ricostruito dall’accusa, sarebbe stata bloccata per evitare che venisse resa nota la notizia di un’indagine a carico di Andrea Gentile, figlio del sottosegretario Antonio.  ”Ho registrato la conversazione perche’ ho notato che Alfredo Citrigno era spaventato e perche’ pensavo che mi potesse servire una prova del tentativo di farmi non pubblicare la notizia. Quella telefonata e’ stata scioccante”. “Quella fu la prima volta in cui lo stampatore mi chiedeva di ‘stare attento’ su una notizia: non era mai successo prima. Sin dalle prime telefonate – dichiara Citrigno – io ho detto a Umberto De Rose di non chiedermi questa cosa che non potevo e non volevo fare. Prima che mi chiamasse Andrea Gentile non sapevo nemmeno se ci fosse davvero un suo interessamento”.