La Regione Calabria a Terra Madre Salone del Gusto di Torino con “Profondo Food” dal 22 al 26 settembre

regione calabriaLa Regione Calabria, con “Profondo Food”- è riportato in una nota diffusa dall’Ufficio Stampa della Giunta- , sarà protagonista dell’edizione 2016 di Terra Madre – Salone del Gusto, che si svolgerà a Torino da giovedì 22 a lunedì 26 settembre. Il tema della ventesima edizione dalla fiera agroalimentare internazionale, promossa da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, che conterà la presenza di circa mille espositori provenienti da oltre cento Paesi, è “Voler bene alla terra”. Un tema che, come sottolineato dal Presidente della Regione Mario Oliverio, si coniuga perfettamente con i valori che la Calabria vuole portare avanti: “Il rispetto della natura, delle sue risorse e dei suoi cicli, la cura dei territori e la salvaguardia dei paesaggi, la tutela e la valorizzazione della biodiversità. Tutto questo – afferma Oliverio – partendo da un’agricoltura pulita e rispettosa dell’ambiente, che prediliga pratiche sostenibili e dalla consapevolezza dell’immensa ricchezza che proviene dalla nostra terra. Con Profondo Food la Calabria vuole promuovere le buone tecniche di produzione, trasformazione e distribuzione del cibo, incoraggiare la gente a fare la spesa in modo consapevole, nutrirsi bene – aggiunge – sottolineare il valore della Dieta Mediterranea, un modo di alimentarsi che significa aver cura di noi stessi, ma anche aver rispetto dei luoghi e delle popolazioni, contribuire a stimolare un’economia sostenibile. Il Salone del Gusto – conclude il Presidente della Regione- è l’occasione giusta per promuovere le produzioni Made in Calabria e per riproporre il brand ‘Rosso Calabria’, che abbraccia tutti i prodotti calabresi nati dalla passione dei produttori. Eccellenze che rappresentano i nostri territori e le nostre risorse culturali, che intendiamo valorizzare per dare maggiore slancio all’offerta turistica della nostra regione”.

Centrali, nel programma di “Profondo Food”, i workshop informativi promossi dal PSR Calabria 2014/2020: “La produzione biologica e terre confiscate in Calabria”, con la Dirigente del Dipartimento Agricoltura Regione Calabria Alessandra Celi, Raffaella Conci della cooperativa Terre Joniche ed Elisabetta Grande di Aiab Calabria (giovedì 22 alle 17); “La programmazione Integrata di filiera”, con l’Autorità di Gestione del PSR Calabria Alessandro Zanfino (venerdì 23 alle 17); “Ripartire dalla terra. La strategia per lo sviluppo rurale della Calabria”, con il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, il Consigliere regionale con delega all’Agricoltura Mauro D’Acri, l’AdG del PSR Calabria Zanfino, il dirigente NVVIP della Regione Calabria Giovanni Soda, il Commissario straordinario di AGEA Gabriele Pagliardini ed il Presidente di Slow Food Italia Gaetano Pascale (sabato 24 alle 18); “Benessere rurale, sviluppo turistico e la Calabria che verrà. Dal cuore del Mediterraneo la promozione delle eccellenze dei territori rurali calabresi con il PSR Calabria 2014-2020”, con il Presidente della Regione Oliverio, il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari Camelo Salvino, l’Adg del PSR Calabria Zanfino, il vice Presidente di Slow Food Italia Cinzia Scaffidi, il Presidente di Assogal Francesco Esposito, il Presidente del Parco del Pollino Domenico Pappaterra, Mario Grillo di Fattorie aperte (domenica 25 alle 17).

Venerdì alle 19, inoltre, l’Assessore all’Urbanistica Franco Rossi, insieme a Giovanni Benvenuto e Francesco Sottile, discuteranno di tutela dei paesaggi rurali e di promozione della biodiversità. La giornata di domenica, invece, sarà interamente dedicata al brand “Rosso Calabria” che, partendo dai caratteristici vini che qualificano la produzione calabrese, vuole promuovere tutte le eccellenze enogastronomiche della regione, indissolubilmente legate ai nostri territori. Un programma ricco di appuntamenti, quello di “ Profondo Food”, che metterà in vetrina alcune eccellenze calabresi, come il fico, il cedro, il bergamotto, il peperoncino, la liquirizia, il Pecorino del Monte Poro, i pregiati mieli, il torrone di Bagnara, la podolica, i salumi, il pesce povero, il Caciocavallo di Ciminà, il morzello catanzarese, la stroncatura, le birre artigianali, l’olio extravergine di Calabria, i vini biologici, i grandi rossi di Calabria, Gaglioppo e Magliocco, i passiti e gli spumanti. Non mancheranno, inoltre, eventi prettamente culturali, come la performance sul racconto della Calabria di Peppe Voltarelli ai giovani di Slow Food (giovedì 22 alle 19.30), il dibattito sulle minoranze linguistiche in Calabria (sabato 23 alle 16), la discussione sul libro di Valentina Oliveri “Calabria in cucina. The Flavours of Calabria” (sabato 23 alle 20), la resistenza gastrofonica viaggiante (lunedì 26 alle 14).

Per il programma completo, consultare il sito internet www.slowfoodcalabria.it.