Reggio Calabria, Romeo: “soluzioni diverse per i nuovi orari di Trenitalia”

Trenitalia“A seguito della nota del consigliere comunale delegato alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, Riccardo Mauro, sui nuovi orari regionali di Trenitalia che avrebbero svantaggiato, soprattutto durante l’estate,  alcune aree della città come Pellaro, Bocale e Lazzaro, e dopo un incontro con lo stesso, abbiamo posto all’attenzione dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Roberto Musmanno, la necessità di valutare un possibile intervento che tenesse conto delle esigenze indicate dal territorio. Immediata e concreta la risposta di Musmanno che insieme ai tecnici della Regione Calabria e di Trenitalia ha analizzato le possibili soluzioni alle criticità riscontrate nel nuovo orario e valutato l’introduzione delle fermate di Reggio Calabria Omeca e Pellaro, Motta San Giovanni, Lazzaro e Saline. La task force promossa dall’assessore Musmanno sta continuando ad operare su tutte le tratte e gli orari disposti, puntando a rendere il trasporto ferroviario più efficiente ed attrattivo, riducendo al minimo il numero delle fermate laddove è compatibile un intervento in tal senso e rafforzando i punti nevralgici della regione”, scrive in una nota Sebi Romeo, capogruppo Pd in sonsiglio regionale. “La rimodulazione del servizio di trasporto pubblico regionale – prosegue- nasce con l’esigenza di armonizzare i tempi di percorrenza, integrando le diverse tipologie di mezzi a disposizione ed offrendo un servizio in linea con le esigenze dei cittadini i quali dovranno avere la possibilità di raggiungere la propria destinazione in tempi consoni e con il massimo del comfort. A tal proposito, proprio sulla linea ionica, negli ultimi mesi è stato avviato alla circolazione, dopo circa trent’anni, nuovo materiale rotabile a trazione diesel. Una linea ferroviaria che negli intenti del presidente Oliverio ha la priorità assoluta in Calabria, essendo la tratta meno rinnovata negli ultimi decenni e su cui meno si è speso in termini di innovazione delle macchine circolanti e di investimenti in termini di efficientamento degli orari e dei servizi. Una Calabria nuova passa necessariamente da un trasporto pubblico efficiente, integrato e snello”, conclude.