Reggio, gli studenti del “Vinci” al di sopra delle medie nazionali. Il direttore dell’U.S.R. Calabria: “puntiamo sulle nostre eccellenze” [FOTO]

Presso l’aula magna del Liceo Scientifico “L. Da Vinci” sono stati stamane presentati gli esiti nazionali delle prove INVALSI 2015. Alla presenza del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria, Diego Bouchè, si è attestato come gli studenti del Liceo siano risultati al di sopra delle medie regionali e nazionali

liceo vinci prove invalsi (4)Presentati quest’oggi al “Vinci” gli esiti nazionali delle prove INVALSI 2015: gli studenti del Liceo Scientifico reggino si sono posizionati oltre la media regionale e nazionale, con ottimi risultati raggiunti sia in italiano che in matematica.

Ospite d’onore della mattinata, Diego Bouchè, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria che insieme agli altri presenti è stato accolto dal coro del Liceo: l’Inno di Mameli è stato per loro il benvenuto, seguito dalla recita, da parte dei ragazzi, di alcune poesie e dalla riproposizione di diversi noti brani. Seduti al tavolo dell’aula magna del Liceo “L.Da Vinci” insieme a Bouchè, il Dirigente Scolastico, la professoressa Giuseppina Princi, la dott.ssa Mirella Nappa, coordinatrice dell’Ambito territoriale della provincia di Reggio Calabria, il professore Pasquale Catanoso, Magnifico Rettore dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, il professore Massimiliano Ferrara, prorettore e professore di matematica e scienze economiche della Mediterranea, coordinatore scientifico della sperimentazione nazionale “Sportelli didattici verticali di approfondimento disciplinare e valorizzazione delle eccellenze liceali”, promossa dal liceo, in sinergia con l’Università Mediterranea.

liceo vinci prove invalsi (2)Il professore Ferrara ed il professore Francesco Manganaro, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia, oltre che al Magnifico Rettore, rappresentano tale sinergia, frutto di un importante protocollo siglato. L’incontro odierno, infatti,  ha rappresentato anche l’occasione per illustrare la cooperazione messa in campo dal Liceo “Vinci” con l’Università reggina, ed altresì mostrare l’offerta didattica della scuola, grazie al supporto delle presentazioni ad opera dei docenti interni referenti dei percorsi innovativi attivati; delle “buone pratiche”, come le ha definite la preside Vinci, di cui fa parte l’attività di peer tutoring, una forma di apprendimento tra pari dove uno studente più preparato fa da tutor ad un altro studente che può essere sia della stessa classe che di una classe inferiore. Grande lavoro portato avanti anche nei vari dipartimenti, come quello di lingue straniere, in cui si punta sul potenziamento delle abilità e sulla motivazione, così come in quello di lettere e nella Biblioteca scolastica, intitolata al giudice Scopelliti.

Un segno, quest’ultimo, che mostra il forte legame con la nostra terra, una terra, come esordisce la preside Giuseppina Princi, “che non è fanalino di coda di nessuno. I nostri ragazzi sono al di sopra della media regionale e nazionale: un risultato importante, che premia un grande lavoro di squadra, dagli studenti ai docenti. Questa è la scuola che vogliamo; parte tutto dalla scuola, dalla sinergia istituzionale, tesa a formare al meglio le future generazioni”.

Dai vertici della scuola a quelli dell’Università: l’intervento del Magnifico Rettore, Pasquale Catanoso, si è focalizzato sulle “punte di eccellenza esistenti nel sistema calabrese, come è il Liceo ‘Vinci’. Ciò che conta – ha aggiunto – è il livello medio degli studenti e dei docenti, che fa raggiungere questi risultati. La qualità diffusa consente di dire che abbiamo degli studenti in grado di competere a livello nazionale”.

liceo vinci prove invalsi (7)“Lodevole la progettualità e la sinergia messa in campi dal ‘Vinci’, ha aggiunto anche la dottoressa Mirella Nappa, prima di assistere alla presentazione dei risultati delle prove INVALSI: dalle parole della vicepreside del Liceo, Titty Fiore, si evince che da ormai cinque anni i livelli dei ragazzi sono altissimi; dai 20 ai 30 punti percentuali al di sopra della media nazionale, in matematica, in italiano, ma anche nella lettura. A questi numeri si aggiungono altri riferiti ad un’indagine interna sugli esiti dei test di ammissione per Facoltà a numero programmato, che gli studenti del Liceo hanno superato per un 85% senza l’aiuto di particolari corsi extra.

“Apprezzo il senso di appartenenza del ‘Vinci’ e le buone pratiche suggerite – parole di Diego BouchèSe siamo qua insieme alla dottoressa Nappa è perché crediamo nelle buone pratiche che nelle scuole si attivano; non crediamo, invece, nella scuola vista come luogo di tortura come molti studenti la qualificano. Bisogna creare una serie di presupposti per dare l’opportunità ai ragazzi di vivere serenamente gli anni che passano a scuola. Noi come mondo delle istituzioni stiamo cercando di dare il massimo: solo in Calabria ci sono oltre 2 mila docenti in ruolo, proprio per potenziare quell’offerta formativa che ogni scuola deve dare. Nella nostra Regione c’è qualità, sia in campo scolastico che universitario”.