Reggio: costringevano noto imprenditore a dare soldi a famiglie ‘ndranghetiste, 3 arresti [FOTO, NOMI e DETTAGLI]

Reggio: tramite minacce, atti idonei diretti in modo univoco costringevano un noto imprenditore a corrispondere una somma di denaro a titolo estorsivo alle famiglie ‘ndranghetiste dominanti nel rione Archi

NERI DOMENICO

NERI DOMENICO

Nel pomeriggio di ieri, 26 novembre 2015, personale della Squadra Mobile di Reggio Calabria, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in pari data dal GIP presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, a conclusione di una mirata attività di indagine, ha tratto in arresto i sottoelencati soggetti:

1. CARACCIOLO Fortunato, nato a Reggio Calabria in data 08.04.1990;
2. MUSARELLA Sebastiano, nato a Reggio Calabria in data 07.04.78;
3. NERI Domenico, nato a Reggio Calabria in data 30.11.1980.

Nei loro confronti il GIP, confermando le valutazione della Procura della Repubblica, ha riconosciuto la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza in relazione al reato di cui agli artt. 56, 81 cpv, 99, 110 e 629 c.p. nonché 7 Legge nr. 203/91.
In particolare, gli indagati sono accusati di avere posto in essere, in concorso fra loro e con altre persone allo stato ignote, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, tramite minacce, atti idonei diretti in modo univoco a costringere la persona offesa, noto imprenditore reggino, a corrispondere una somma di denaro a titolo estorsivo alle famiglie ‘ndranghetiste dominanti nel rione Archi di Reggio Calabria, col fine di procurare a sé o altri il conseguente ingiusto profitto, e precisamente:
essersi recati tre volte il CARACCIOLO ed una volta il MUSARELLA assieme al NERI presso il cantiere edile sito in Reggio Calabria al Corso Garibaldi, ove la persona offesa aveva iniziato dei lavori di ristrutturazione di un immobile acquisito ad un’asta giudiziaria ed aver rivolto agli operai, presenti in loco, una prima volta, l’espressione minacciosa: “qui non si lavora più” ed “il titolare dovrebbe sapere a chi rivolgersi” ; e, la seconda volta, “di’ al tuo principale di andare dove lui sa e mettersi in regola”; ed, infine, (il MUSARELLA ed il NERI) profferendo la seguente minaccia: “digli a Ignazio FERRO (capocantiere) di andare a parlare ad Archi, perché se oggi stesso non va a parlare, da domani non lavora più nessuno qua, anzi anche voi operai non vi azzardate a presentarvi in cantiere”.
E’ contestata la circostanza aggravante di avere commesso il fatto con modalità mafiose ed al fine di favorire la ‘ndrangheta ed in particolare le famiglie egemoni nel rione “Archi” di Reggio Calabria. I fatti sono stati commessi in Reggio Calabria in data 2 e 23 settembre 2015, 16 e 20 ottobre 2015.

Il primo tentativo di estorsione veniva commesso in data 2 settembre c.a., allorquando il solo CARACCIOLO, presentatosi sul centralissimo Corso Garibaldi di questo centro cittadino, ove insisteva un cantiere edile da poco avviato per ristrutturare un elegante appartamento ubicato in un palazzo d’epoca, intimava agli operai presenti di interrompere i lavori, “qui non si lavora più”, ed ordinava agli stessi di sollecitare il loro titolare a “mettersi in regola”: “dì al tuo principale di andare dove lui sa e mettersi in regola”. Il seguente 23 settembre c.a. il solo CARACCIOLO si ripresentava sul medesimo cantiere e, rivolgendosi agli stessi operai della prima vicenda sopra esaminata, intimava loro di raggiungerlo in strada per parlare de visu, ma i dipendenti, prontamente riconosciutolo, si attardavano per avvisare telefonicamente il loro datore di lavoro per cui il CARACCIOLO, insospettito dal ritardo con cui avevano aderito all’intimazione, si dileguava.

Il successivo 16 ottobre ancora una volta il solo CARACCIOLO rivolgeva analoghe minacce ai medesimi operai. Gli accadimenti dei fatti venivano confermati dalla visione da parte della P.G. operante di immagini tratte da un impianto di video sorveglianza installato nelle vicinanze del locus commissi delicti, dalle quali si riconosceva perfettamente il CARACCIOLO, soggetto già noto alle Forze di Polizia per i suoi precedenti (furto aggravato, rapina, danneggiamento, lesioni e detenzione illegale di armi) e per le molteplici frequentazioni con soggetti di interesse investigativo riconducibili all’alveo delle cosche DE STEFANO/TEGANO.

Dopo appena 4 giorni, il successivo 20 ottobre, sul medesimo cantiere si presentava MUSARELLA Sebastiano che, unitamente a NERI Domenico, consumava l’ultimo tentativo di estorsione intimando agli operai di sollecitare il capocantiere ad “andare a parlare ad Archi, perché se oggi stesso non va a parlare, da domani non lavora più nessuno qua, anzi anche voi operai non vi azzardate a presentarvi in cantiere”. I predetti venivano perfettamente riconosciuti attraverso l’analisi delle immagini tratte dal medesimo impianto di videosorveglianza di cui sopra, attesa la compiuta conoscenza degli stessi per essere stato, il MUSARELLA, attenzionato e tratto in arresto in precedenti operazioni (“EREMO” e “ARABA FENICE”) e rimesso in libertà lo scorso 6 giugno; il NERI, soprattutto per essere persona di estrema fiducia di DE STEFANO Giovanni Maria, elemento di vertice dell’omonima consorteria criminale. La vicenda evidenzia l’importanza della collaborazione dei cittadini per una pronta risposta della Giustizia e per un contrasto efficace ad una ‘ndrangheta sempre più arrogante e oppressiva.

CARACCIOLO FORTUNATO
MUSARELLA SEBASTIANO
NERI DOMENICO