Messina, emergenza idrica: finalmente un lieto fine?

L’emergenza acqua a Messina sembra essere rientrata: resta, tuttavia, la questione “frana” a Calatabiano

acquaNessuno ne parla tra la gente, non si sa se per scaramanzia, o meno: ma in alcune zone della città l’acqua, bene comune, è tornata a sgorgare impetuosa dai  nostri rubinetti. Che immenso sollievo per le orecchie dei messinesi non udire più i motori dei serbatoi strillanti all’impazzata nel tirare su la poca acqua presente sui fondi, una volta aperti i rubinetti. I disastrosi giorni trascorsi tra autobotti, navi cisterne e bidoni, in cui anche lavarsi i denti poteva apparire una delle dodici fatiche di Ercole, sembrano ormai giunti ad una felice risoluzione: dopo l’installazione del nuovo bypass costruito con i “supertubi” flessibili provenienti dalla Germania, la situazione si avvia gradualmente verso la normalità. Ai 500 l/s erogati grazie agli innesti dalla Santissima e da altri pozzi, si aggiungono i 600 del nuovo bypass che trasporta l’acqua da Fiumefreddo, anche se il Sindaco avverte i cittadini sulla sua non potabilità. L’emergenza sembra essere rientrata, ma il problema di fondo sussiste: nonostante il bypass sia stato realizzato, si attende di intervenire sul problema principale, costituito, per l’appunto, dalla frana di Calatabiano. Dopo aver operato il sistema di messa in sicurezza della collina franosa, nei prossimi messi si lavorerà alla messa a punto della condotta ordinaria.