Messina, Carbone rompe gli indugi e schiera il Pd al fianco di Accorinti

Bocciata l’ipotesi della mozione di sfiducia. Parole durissime contro chi ha depositato l’atto

LaPresse

LaPresse

Il Partito Democratico non sosterrà la mozione di sfiducia contro il sindaco Accorinti. Lo ha rivelato il commissario Ernesto Carbone, dopo un colloquio col capogruppo Paolo David. “Non bisogna der seguito alle velleità di quattro personaggi in cerca di autore” ha affermato Carbone rivolgendosi a Zuccarello e Sindoni (ex Pd), Russo e Scuderi. “Il partito ha il dovere di porsi responsabilmente a sostegno di questa città e di vigilare affinchè il sindaco e la sua Giunta inizino davvero a cambiare le cose in una Messina già colpita dalle emergenze di questi giorni”. Da qui la decisione di essere un “alleato leale” laddove il cambiamento venga interpretato come progetto serio. La replica di Zuccarello non si è fatta aspettare: “è evidente che Carbone intende confrontarsi solo con l’area genovesiana e questo fa capire quale futuro ha il Pd a Messina“, ha affermato l’esponente consiliare evidenziando il ruolo svolto da Paolo David e Franco Rinaldi.