Sicilia: uomo ucciso e bruciato per un debito, tre arresti

cadavere bruciatoSvolta nel caso dell’omicidio di Angelo Truisi, di Licata, scomparso il 2 gennaio 2015 e trovato cadavere diciannove giorni dopo. Agenti della Squadra mobile di Agrigento, del Servizio centrale operativo e del commissariato di Licata, nell’ambito dell’operazione “Phintia”, hanno arrestato tre persone accusate di avere condotto in un luogo appartato l’uomo, di averlo pestato e ammazzato con un fucile calibro 12 e di averne bruciato il cadavere per distruggere le tracce, in contrada Nicolizia. In manette Diego Catania, 27 anni, Angelo Cannizzato, 20 anni, entrambi di Licata, e Salvatore Gueli, 39 anni, di Gela. Il movente sarebbe legato a debiti insorti in relazione al traffico di cocaina e per i quali Truisi sarebbe stato punito. L’ordinanza di custodia cautelare e’ stata emessa dal gip Francesco Provenzano su richiesta del sostituto procuratore Carlo Cinque.