Sicilia: scandalo Formazione, processo per consulenti e politici

ProcessoPolitici, consulenti e manager rinviati a giudizio dal gup del Tribunale di Palermo Lorenzo Matassa nell’indagine sullo scandalo della Formazione Ciapi. Il processo a carico di venticinque imputati (venti persone fisiche e cinque società) inizierà il prossimo 7 luglio. Tra gli imputati spiccano i nomi del senatore di Forza Italia, Francesco Scoma, accusato di corruzione e violazione della legge sul finanziamento pubblico ai partiti, ma anche il Presidente della Commissione Bilancio all’Ars Nino Dina (Udc) e l’ex vicepresidente dell’Ars Santi Formica (Lista Musumeci). Alla sbarra anche il manager della pubblicità, Faustino Giacchetto, oltre all’ex deputato Ars Salvino Caputo, e gli ex consiglieri comunali di Palermo Salvatore Alotta e Gerlando Inzerillo. Sotto processo anche l’avvocato Francesco Riggio, ex Presidente del Ciapi. L’inchiesta è coordinata dal Procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci e dai pm Sergio Demontis, Maurizio Agnello, Daniele Paci e Alessandro Picchi. Un altro stralcio dell’indagine è sfociata in due condanne e un altro processo. L’ex assessore al Territorio della Sicilia Gianmaria Sparma ha patteggiato la pena mentre l’ex dirigente Domenico de Carlo è stato condannato con l’abbreviato.