Messina, incontro al Cuppari sulla difesa della democrazia alimentare

Contro il latifondo e la rete della mafia, l’Osservatorio “Lucia Natoli” promuove una giornata sul tema della sfida agroalimentare

ossservatorio lucia natoliGiovedì 23 aprile, dalle ore 9,00, all’Istituto agrario “Pietro Cuppari” (in Contrada San Placido Calonerò) di Messina, l’Osservatorio per i minori “Lucia Natoli” promuove, come ogni anno, in occasione della nascita dello stesso Osservatorio, dedicato ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, una giornata di riflessione su questi temi in ambito scolastico, nel segno del dialogo e dell’ascolto. Sottolinea Saro Visicaro, coordinatore dell’Osservatorio: “Anche questa volta, attraverso le specificità legate al settore agricolo e alimentare, si parlerà del sistema economico che ruota attorno alla filiera alimentare. Un sistema che interessa la nostra salute e i nostri stili di vita e che alimenta anche un business da 14 miliardi di euro attraverso le frodi”.

Interverranno la referente di Libera Tiziana Tracuzzi, per affrontare il tema dei beni confiscati alla mafia; il dottor Giuseppe Naso, per analizzare i rischi legati al “cibo criminale” e alle sofisticazioni; il dottor Emanuele Triolo, per affrontare il tema della cultura dell’agricoltura biologica e biodinamica rispettosa della natura. Il professore  Leopoldo Moleti, dell’Agrario “Cuppari”, illustrerà a sua volta le attività di eccellenza ormai raggiunte dall’Istituto e, in particolare, la realizzazione del vino “Faro” dei vigneti di S. Placido Calonerò come prodotto di qualità.

L’Osservatorio Lucia Natoli – afferma Visicaroauspica che attraverso questo dialogo, si possano delineare percorsi virtuosi tra la funzione didattica dell’Istituto Cuppari e le pubbliche amministrazioni, in modo da diffondere sempre di più e meglio la cosiddetta democrazia alimentare e la tutela della salute”.