Cirò Marina (KR): evasione fiscale, sequestro beni a imprenditore per 145.000 euro

I beni sottoposti a sequestro sono due autovetture, la porzione di proprietà dell’indagato di 3 fabbricati e 4 terreni, nonché i saldi attivi di rapporti bancari

Guardia di FinanzaI finanzieri della Tenenza di Cirò Marina, nell’ambito dell’attività di servizio volta alla tutela delle entrate ed al contrasto dell’evasione fiscale, hanno sequestrato beni mobili, immobili e disponibilità bancarie sino a concorrenza dell’importo di € 145.000 nei confronti di un imprenditore ritenuto responsabile del reato tributario di dichiarazione infedele.

Le Fiamme Gialle cirotane hanno operato il sequestro in esecuzione di un provvedimento disposto dal Gip presso il Tribunale di Crotone, Dottor Michele Ciociola, che ha accolto la richiesta formulata dalla Procura della Repubblica sulla base dell’informativa redatta dalla Guardia di Finanza a conclusione di una verifica fiscale nei confronti di una impresa di costruzioni.

Nello specifico, l’attività ispettiva aveva fatto emergere l’omessa dichiarazione di ricavi per complessivi € 481.000 relativamente ai periodi d’imposta 2010 e 2011, con conseguente evasione dell’Iva e delle imposte sui redditi.

Considerato il superamento della soglia d’imposta evasa prevista dalla norma penale-tributaria, si è concretizzato il presupposto per l’ adozione del sequestro preventivo per equivalente, misura cautelare a garanzia del credito erariale.

I beni sottoposti a sequestro sono due autovetture, la porzione di proprietà dell’indagato di 3 fabbricati e 4 terreni, nonché i saldi attivi di rapporti bancari.