“Piano Nazionale degli Aeroporti”, ecco cosa cambia in Calabria e in Sicilia

Saranno presenti 10 bacini di “traffico omogeneo” tra cui Lamezia Terme, Palermo e Catania

aeroporto reggio alitaliaLa Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano ha dato oggi l’intesa sul piano nazionale degli aeroporti presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi. Dopo il parere delle competenti commissioni parlamentari e la deliberazione definitiva del Consiglio dei Ministri, che l’aveva gia’ approvato preliminarmente nella riunione del 30 settembre 2014, il piano verra’ sottoposto alla firma del presidente della Repubblica. Il decreto sara’ quindi inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana.

L’Italia, finalmente, non e’ piu’ il paese dei 90 aeroporti, dove ognuno fa per se’, spesso generando perdite, sprechi e inefficienze. Il piano individua 10 bacini di traffico omogeneo, determinati in base al criterio di una distanza massima di 2 ore di percorso in auto da un aeroporto di particolare rilevanza strategica: 1) Nord-Ovest, 2) Nord-Est, 3) Centro-Nord, 4) Centro Italia, 5) Campania 6) Mediterraneo-Adriatico, 7) Calabria, 8) Sicilia Occidentale 9) Sicilia Orientale, 10) Sardegna“. Il ministero ricorda che nei bacini individuati rientrano 3 aeroporti strategici intercontinentali: Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Venezia e 9 aeroporti strategici inseriti nella core network europea: Torino Caselle (a condizione che realizzi, in relazione alle interconnessioni ferroviarie AV/AC tra le citta’ di Torino e Milano, un sistema di alleanze con l’aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa finalizzato a generare sinergie di sviluppo reciproco e dell’intero bacino del Nord Ovest), Bologna e Pisa/Firenze (a condizione che Pisa e Firenze realizzino la gestione unica), Napoli, Bari, Lamezia Terme, Palermo, Catania, Cagliari. All’interno di ciascun bacino vi sono, inoltre, aeroporti considerati di interesse nazionale (Milano Linate, Bergamo, Brescia, Cuneo, Genova, Verona, Treviso, Trieste, Rimini, Parma, Ancona, Roma Ciampino, Perugia, Pescara, Salerno, Brindisi, Taranto, Reggio Calabria, Crotone, Comiso, Trapani, Pantelleria, Lampedusa, Olbia, Alghero) “a due condizioni: la specializzazione dello scalo e una sua riconoscibile vocazione funzionale al sistema all’interno del bacino di utenza; la dimostrazione, tramite un piano industriale corredato da un piano economico-finanziario, che l’aeroporto e’ in grado di raggiungere l’equilibrio economico-finanziario anche tendenziale e adeguati indici di solvibilita’ patrimoniale, almeno su un triennio“.

La mancanza di queste condizioni, conclude il ministero “determinerà l’uscita dello scalo dall’elenco degli aeroporti di interesse nazionale. La qualifica di aeroporti di interesse nazionale e’ attribuita anche a quegli scali che garantiscono la continuita’ territoriale di regioni periferiche e aree in via di sviluppo o particolarmente disagiate, qualora non sussistano altre modalita’ di trasporto, in particolare ferroviario, adeguate a garantire tale continuita’. Il piano nazionale degli aeroporti determina la strategia degli investimenti dello Stato nelle infrastrutture di collegamento degli scali“.