fbpx

Roccella Ionica (RC): il 1 giugno presentazione nuovo cd del gruppo calabrese “EtnoSound”

Etnosound_vorria mu moru 2014Dopo la pubblicazione di “Cantu Novu”, nel 2013, ad un anno di distanza arriva il terzo cd degli EtnoSound. Un opera “omonima”, a cui è stato dato come titolo proprio il nome del gruppo.

Si chiamerà, infatti, “EtnoSound” questo terzo album della band etno-pop nata nel 2010 a Cinquefrondi. Un titolo dato quasi come un’esigenza, quella di rimarcare la compattezza del gruppo ed una ritrovata unità d’intenti nel perseguire insieme traguardi comuni.

Il disco sarà presentato domenica 1 giugno, alle 21:30 a Roccella Jonica, nella splendida cornice dell’auditorium “Unità d’Italia”. L’evento, patrocinato dal Comune di Roccella Jonica, rientra tra le iniziative del circuito Calabria Sona.

Sono in tutto undici le tracce incise in questo cd (dieci inediti più una “bonus-track”) che si presentano all’ascolto del pubblico con un sound nuovo, più diretto, perfettamente a metà tra il pop cantautorale (“L’Amanti” e “Non mi scordu cchjù”) e le “sonate” tradizionali calabresi (“Occhji di Fata” e “Stornelli”). Spazio anche per qualche incursione tra le tradizioni musicali di altre regioni (la tammurriata di” Zzumpa e Vola”) e il remake di poesie dialettali (“Serenata”). Per la prima volta, inoltre, anche una cover: “Vento d’Estate”, la celebre hit di Max Gazzè e Niccolò Fabi, infatti, è stata rivisitata e riadattata nei canoni e nello stile propri della band, dando al pezzo una nuova veste.

Testi più maturi, come “’U Pasturi”, un brano contro i “falsi miti” che invadono la società odierna, ma anche testi di “sdegno” come quello di “Maledittu chidu Jornu”, una canzone che parla di un amore finito male.

Chiudono il cd le note di “Emma”, una dolcissima ninna-nanna, ed il riarrangiamento della celebre hit che tanta fortuna ha portato agli EtnoSound, “Vorria mu Moru”.

Gli EtnoSound sono:

Leonardo Bonavita: Voce e Chitarra

Domenico Macrì: Lira, Pipita, Zampogna, Zumpettara, Friscalettu

Andrea Carrano: Sax e Organetto

Giovanni Panaia: Batteria e Percussioni

Gianluca Cusato: Tamburi a cornice e Percussioni

Francesco Papasidero: Basso Elettrico