fbpx

Regione Calabria, Cusumano su proposta di legge sulla doppia preferenza elettorale

calabria 1“Nell’apprezzare la posizione chiara assunta sia dal presidente Caputo che dal consigliere Chizzoniti, soprattutto ne condivido le ragioni di fondo. Ritengo, infatti, che non vi sia più alcun motivo per il quale la proposta di legge sulla doppia preferenza debba ancora ‘giacere’ nella sua sede naturale, ovvero la prima Commissione consiliare, quando, ancora oggi, registriamo un’altra seduta andata deserta per mancanza di numero legale ma- lasciatemi dire-, a questo punto, per mancanza di senso di responsabilità istituzionale che offende sempre di più, trattandosi di comportamento reiterato, la comunità calabrese”.
A dirlo è la presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, Giovanna Cusumano che aggiunge: “Come sostengono anche Caputo e Chizzoniti, la soluzione non può essere che quella di affidare la questione al Consiglio regionale, nella sua pienezza, ricordando che la promozione delle pari opportunità nell’accesso alle cariche elettive rientra nell’esercizio della sua potestà legislativa”, conclude Giovanna Cusumano, rendendo noto che l’Assemblea plenaria dei presidenti dei Consiglio regionali ha approvato, proprio ieri, su proposta della presidente del Consiglio regionale dell’Emilia Romagna Palma Costi, un ordine del giorno in merito alla parità di genere che impegna “a sensibilizzare le Assemblee legislative delle regioni e delle province autonome all’introduzione, nelle normative regionali, di principi e provvedimenti tali da favorire la piena rappresentanza di genere, tenuto conto dei diversi sistemi esistenti”.