Archeologia: scoperta tabella in bronzo in alfabeto acheo a Kaulonia

tabella in bronzoUna tabella in bronzo con una lunga dedica votiva che contiene il testo piu’ lungo in alfabeto acheo della Magna Grecia e’ la principale scoperta archeologica fatta nelle campagne di scavi di Kaulonia dai ricercatori dell’universita’ di Pisa e della Scuola Normale che da 15 anni si avvicendano nel sito archeologico situato in provincia di Reggio Calabria dove hanno riportato lentamente alla luce i resti del santuario di Punta Stilo dell’antica colonia greca. La tabella di bronzo, spiega una nota dell’ateneo pisano, ”e’ infatti risultata essere un documento unico: pur ridotta in minuti frammenti molto corrosi, dopo il restauro eseguito nel 2013 presso il locale Museo di Monasterace e la successiva applicazione di avanzate tecniche d’indagine presso la Normale, ha rivelato un testo greco del V secolo avanti Cristo, su 18 linee, in alfabeto acheo, con le lettere ordinate regolarmente secondo il sistema di scrittura detto stoichedon”. E’ una lunga dedica votiva, in gran parte metrica, che menziona tra l’altro l’agora’ (la piazza pubblica di ogni citta’ greca, cuore della vita politica e commerciale), una statua e un elenco di divinita’ di grande interesse per la conoscenza dei culti. Utilizzando anche innovative tecniche di documentazione e di elaborazione dei dati, come le riprese da drone e le elaborazioni 3D, gli archeologi hanno ricostruito un’immagine pressoche’ totale del grande complesso magnogreco risalente all’ottavo secolo avanti Cristo. Le prime hanno permesso di realizzare immagini e filmati ad alta risoluzione utilizzabili sia per la restituzione fotogrammetrica delle emergenze archeologiche, sia per la foto-interpretazione e le letture globali di ampie aree interessate dalle indagini archeologiche, unitamente al contesto generale. Mentre le elaborazioni 3D sono state finalizzate alla ricostruzione e alla modellazione di materiali archeologici e di complessi monumentali, con finalita’ di ricerca e divulgative.