Cosenza, avviati gli interventi di riefficientamento della rete idrica nella zona a monte di Via Misasi

cosenzaE’ un problema atavico quello del malfunzionamento della rete idrica a Cosenza: com’è noto, causa di frequenti disagi per i cittadini, specialmente in alcune zone di maggiore sofferenza dove la dispersione dell’acqua è più avvertita per le cattive condizioni delle condotte. L’esecutivo Occhiuto, attraverso un finanziamento di € 2.500.000,00, per il riefficientamento della rete idrica ha programmato una serie di interventi che sono già stati avviati attraverso i lavori su un primo lotto e che, complessivamente, interesseranno l’area compresa tra Via Zara (a sud),  Via Simonetta (a nord), Viale della Repubblica e quartieri a monte (a ovest), Via Misasi a est.

Una superficie di circa 30 ettari, che comprende 113 edifici pluripiano. L’energica azione dell’Amministrazione si prefigge non solo di eliminare le interruzioni di fornitura, a cui gli utenti sono tristemente abituati da lunghi anni, ma anche di distribuire in maniera più equa gli afflussi nei vari quartieri e soprattutto di sezionare la rete in modo da poter effettuare manutenzioni senza interrompere la fornitura nell’intera area.

Non meno importante sarà l’eliminazione delle abbondanti perdite idriche che, oltre a rappresentare uno spreco di acqua e di denaro pubblico, sono causa di inquinamento dopo ogni interruzione. Dal punto di vista operativo, gli interventi messi in campo dall’Amministrazione comunale prevedono la sostituzione, per intero, delle condotte ormai vetuste e usurate. Gli operai addetti ai lavori hanno suddiviso il comparto in 11 settori, ciascuno alimentato da un anello di distribuzione con annessi apparecchi di manovra e misura.

Il recupero di pressione, sia per l’eliminazione  delle perdite sia per la possibilità di regolazione puntuale, consentirà di incrementare le portate idriche nei punti attualmente soggetti a disservizi. Sulle condotte principali e secondarie, saranno inserite apposite camere di ispezione e manovra, ospitanti analoghi apparecchi di manovra e misura.

Sarà così possibile sezionare e,  eventualmente, scegliere da quale serbatoio si vuole alimentare (Merone o Via De Rada) un qualsiasi anello di distribuzione o un gruppo di essi. Si sta pertanto provvedendo a installare centraline per il telecontrollo delle portate, delle pressioni e dei prelievi, finalizzato al monitoraggio in tempo reale e a costi limitati del funzionamento della rete.