Lega Pro: Trapani dal paradiso all’inferno in 90 minuti, tutto rimandato all’ultima giornata

Stemma-Trapani-CalcioDal paradiso all’inferno, per poi tornare in purgatorio: sono stati 90 minuti dalle grandi emozioni per il Trapani, che insieme al Lecce guida il girone A della Prima Divisione di Lega Pro e, come l’anno scorso, si sta giocando la storica promozione in serie B, un campionato in cui non ha mai giocato! I siciliani e i salentini sono appaiati in testa alla classifica, e oggi pomeriggio alla fine, dopo due gare pirotecniche, hanno entrambi pareggiato 2-2: stesso risultato finale, infatti, per Trapani-Reggiana e Lecce-Carpi. Eppure dopo dieci minuti i trapanesi erano già con la testa in serie B: vincevano 1-0 mentre il Lecce era già sotto 0-2. Poi, però, l’incubo: i salentini recuperano, si portano sul 2-2 a metà secondo tempo, proprio quando gli emiliani ribaltano tutto al Comunale e il Trapani è sotto 1-2. Nel finale gli amaranto pareggiano, e allora un punto ciascuno e classifica che rimane invariata. Per il Trapani si può considerare un’occasione sprecata, ma anche una giornata favorevole perchè adesso manca una sola partita alla fine del campionato, e il Trapani – che è in netto vantaggio sia negli scontri diretti che nella differenza reti – sarà promosso in serie B se riuscirà a fare nella prossima partita semplicemente lo stesso risultato del Lecce (o migliore, ovviamente). Si deciderà tutto domenica prossima, 12 maggio. Sia Trapani che Lecce giocheranno in trasferta: Albinoleffe-Lecce e Cremonese-Trapani.