“Premio Beatrice 2015”, ospite Micaela Foti. La cantante reggina ai microfoni di Strettoweb: “spero di attivare la coscienza dei giovani che mi seguono”

La cantante reggina, Micaela Foti, sarà una degli ospiti del “Premio Beatrice- Premio Solidarietà 2015”, promosso da Rino Davoli. Raggiunta telefonicamente dai microfoni di Strettoweb, ci trasmette le sue impressioni in vista dell’evento

Rino Davoli e Micaela Foti

Rino Davoli e Micaela Foti

Avevamo già trasmesso la notizia che preannunciava la serata del prossimo 14 giugno, nel corso della quale, nella splendida cornice del Teatro Romano di Verona, si terrà l’evento dedicato al “Premio Beatrice- Premio Solidarietà 2015”, promosso da Rino Davoli.

Dopo aver sentito l’ideatore dell’iniziativa, i microfoni di Strettoweb hanno raggiunto una degli artisti ospiti del “Premio Beatrice 2015”, la reggina Micaela Foti.

Com’è noto, la giovane cantante “nostrana” ha già preso parte a diverse esibizioni canore, aggiudicandosi il secondo posto a Sanremo Giovani 2011. Prima di allora e dopo di quel momento, l’impegno di Micaela è stato sempre orientato alla sua più grande passione: il canto. Con il suo primo album già uscito, in aggiunta a due singoli, ha già raggiunto tantissime visualizzazioni su Youtube. Non si sbilancia molto, Micaela, sui suoi prossimi progetti, anche se ci anticipa l’uscita di un nuovo album, a cui ancora sta lavorando.

Per quanto riguarda la serata al Teatro Romano di Verona, Micaela Foti ci trasmette di essere molto onorata dall’invito ricevuto da Rino, Francesco e Tommaso Davoli: “tramite la mia presenza – ci dice – spero di attivare la coscienza dei giovani e dei tanti che mi seguono”.

Non per niente, ricordiamolo, il “Premio Beatrice”, giunto alla sua quarta edizione, si pone come obiettivo quello di sensibilizzare, attraverso attività nel settore dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, con particolare attenzione all’ambito oncologico. L’idea parte dalla costituzione di un’associazione Onlus, “Il sorriso di Beatrice”, dedicata alla memoria della moglie scomparsa di Rino Davoli.

“È la prima volta che partecipo al Premio – ci continua a dire Micaela Foti – anche se lo conosco già da diversi anni. Essendo un’artista giovane, ho tanti ragazzi che mi seguono, e con questa bella occasione ho anche colto la palla al balzo per trasmettere loro un forte messaggio di solidarietà e di ricerca, che coinvolge non solo i malati, ma anche le famiglie dei malati stessi. Sono altresì contentissima di essere una degli ospiti insigni della serata: sarò affianco a tanti noti artisti del panorama musicale, esibendomi con i miei più famosi brani, come “Fuoco e cenere” e ‘Splendida Stupida’. Sarò inoltre l’unica calabrese presente all’evento – conclude Micaela Foti oltre a Rino e Francesco Davoli, anche loro originari della Calabria, con i quali condivido gli stessi valori legati alla nostra terra”.