“Ebrei assassini”: spunta un’altra scritta antisemita in Calabria

A pochi giorni dal caso di Parghelia, ecco che in provincia di Vibo Valentia compare un'altra frase antisemita alle porte di Tropea

StrettoWeb

Una nuova scritta antisemita è comparsa sui muri della Calabria e crea preoccupazione e sgomento nell’intero territorio. Pochi giorni fa, la scritta “Ebrei Bastardi” era apparsa allo stadio di Parghelia, in provincia di Vibo Valentia. Il Comune e la cittadinanza, disgustati, hanno fatto cancellare nell’immediato la frase. Il sindaco Antonio Landro ha preso provvedimenti denunciando l’accaduto alla Polizia. E mentre, da un lato, l’insulto veniva cancellato, ecco che appare da un’altra parte, sempre nel vibonese.

In questo caso la scritta è comparsa ieri all’ingresso di Tropea, a pochi chilometri di distanza dalla frase antisemita. La mano, secondo una prima ipotesi, potrebbe essere uguale: trattasi infatti della stessa vernice rossa e della stessa grafia. Ad “accogliere” – si fa per dire – i cittadini della Perla del Tirreno è la frase “Ebrei assassini”, scritta interamente in maiuscolo. Sull’accaduto indagano i Carabinieri del Reparto Territoriale con il contributo delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, già al vaglio dei militari.

Condividi