Dalla Repubblica Ceca a Messina: Vienna Cammarota arriva nella città dello Stretto, è la prima donna al mondo a percorre il viaggio sulle orme di Goethe [FOTO, DETTAGLI e INTERVISTE]

/

L’escursionista Aigae arriva a Messina: è la prima donna al mondo che ha percorso a piedi il viaggio sulle orme di Goethe

Grande festa a Palazzo Zanca per l’arrivo di Vienna Cammarota: la prima donna al mondo che ha percorso a piedi il viaggio sulle tracce di Wolfgang Goethe. Questa splendida 68enne ha visitato ben 150 borghi in 300 giorni per un totale di 2700. LaGuida Ambientale Escursionistica AIGAE, è partita il 28 Agosto del 2017 da Karlovy Vary, Repubblica Ceca, e dopo 300 giorni, il suo viaggio si è concluso nella città dello Stretto, dove ad attenderla oggi c’era il sindaco uscente Renato Accorinti e i tanti sostenitori che in questo lungo viaggio l’hanno circondata di calore e affetto. Presente alla cerimonia di oggi a Palazzo Zanca anche Francesco Cancellieri, presidente dell’Associazione Centro Educazione Ambientale Messina onlus e Giuseppe Avena, docente del Dipartimento di Economia e delegato per la Regione siciliana della Società Italiana della Scienza del Turismo. Soddisfatto anche il  presidente nazionale dell’Aigae Filippo Camerlenghi, che ha dichiarato ai microfoni di StrettoWeb: “Messina accoglie Vienna Cammarota e ringraziamo la città per la grande ospitalità, Vienna è l’ambasciatrice delle nostra categoria, una categoria essenziale per promuovere le bellezze e la conoscenza scientifica delle nostre risorse ambientali“.  “Devo ancora capire le emozioni che ho provato entrando in Sicilia- ha detto Vienna– ho visto palazzi e chiese bellissimi, tra cui il vostro Duomo. La Sicilia è una mamma che allarga le braccia per accogliere i suoi figli.  E’ un territorio vero, cambiato e ci sono state anche modifiche in alcune città. Ad esempio non sono riuscita a trovare la Messina antica. Mi sono commossa a Licata dove i ragazzi mi hanno accolta al Guglielmo Marconi. Tante persone mi chiedono il perché del viaggio. Io sono una Guida Ambientale e Goethe ha fatto quello che fa una Guida Ambientale Escursionistica, racconta il territorio ed invita all’osservazione ma soprattutto dialoga con la gente. Non sono molto stanca e mi meraviglio il come riesca, dopo tanti chilometri a visitare una città.  Penso ad osservare, a raccontare, la prossima sfida potrebbe essere la via della seta da Venezia alla Cina – ha proseguito l’escursionista – seguendo Marco Polo. Durata? Ben un anno”. Vienna ha attraversato il Madagascar in kayak nel 2004, la Patagonia nel 2006, l’Amazzonia nel 2011, il Nepal e Tibet a piedi nel 2015, Israele e Palestina a piedi nel 2014 e ben 230 Km dal Cilento al Gargano in Italia nel 2016 per il cammino della Misericordia entrando nei borghi dell’Irpina, andando alla ricerca di antichi tratturi in Puglia. “Mi sembra il minimo riconoscere a Vienna una grande gratificazione ma soprattutto valorizzare nel miglior modo possibile questo sforzo – ha proseguito Filippo Camerlenghi, Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE, intervenuto al briefing stampa a Messina-   e dire a chi può farlo, a chi decide, che è arrivato il tempo di avere una legge che faccia chiarezza su queste professioni. Quando si parla di green job penso che lo si faccia senza sapere cosa fosse. Io credo che le Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE, negli ultimi 20 anni, abbiano rappresentato il vero green job che in Italia è in atto perché il Green Job è prendere il territorio e valorizzarlo, trasformarlo in prodotto rispettandolo.   Le guide ambientali sono le persone che ci aiutano, sono l’anello di congiunzione tra il territorio ed il pubblico. Niente di meglio di avere una guida ambientale escursionistica a disposizione per comprendere il paesaggio che ci circonda, scoprirlo e riscoprirlo. Siamo le persone che ti raccontano un filo d’erba, una storia da un paesaggio da un panorama un evoluzione, siamo le persone che fanno rendere consapevole gli altri del territorio in cui vivono e che stanno attraversando”.  “Il viaggio di Vienna, la presenza di Vienna ha rimarcato con maggiore forza l’importanza dell’osservare, dell’interpretare il paesaggio. Vienna ha stimolato le persone a fare questo – ha dichiarato Violetta Francese, Coordinatrice delle Guide AIGAE della Sicilia, costantemente al fianco di Vienna durante l’impresa –  a dare importanza al rapporto con il territorio, al contatto con le persone. Questo è il turismo esperienziale”.