fbpx

Green Pass verso l’eliminazione, arrivano conferme: “stop a partire dall’1 maggio”

addio al green pass

Arrivano ulteriori conferme sull’eliminazione graduale del Green Pass in Italia tra aprile e maggio

Il Green Pass si appresta ad essere, si spera definitivamente, un lontano ricordo. Il certificato verde, ad oggi rafforzato per accedere a tantissime attività, tornerà “base” a breve, fino a scomparire del tutto prima dell’estate. Arrivano infatti ulteriori conferme alle voci che circolano nelle ultime settimane e alle parole di Ministri e Sottosegretari. “Non sarà eterno”, aveva detto ad esempio Sileri qualche giorno fa. E non lo sarà anche e soprattutto per via dello stato di emergenza Covid, che scade il prossimo 31 marzo. Con quello, si va verso l’eliminazione del Super Green Pass al lavoro per gli Under 50, mentre gli Over manterranno l’obbligo fino alla sua prevista scadenza, il 15 giugno. Il mese di aprile, poi, sarà quello di graduale e parziale allentamento delle attività per cui è obbligatorio esibire il certificato verde, come ad esempio negozi e ristoranti all’aperto.

La prossima settimana, secondo quanto apprende l’Ansa da fonti governative, il Consiglio dei Ministri discuterà l’idea di eliminare qualsiasi tipo di Green Pass, quindi sia per i luoghi all’aperto che per quelli al chiuso, a partire dall’1 maggio. Quindi, per accedere alle attività, non servirà essere vaccinati e neanche tamponati. E’ il cosiddetto “allentamento graduale”, la tanto discussa road map che dovrebbe finalmente realizzarsi. Il calendario delle riaperture prevedrebbe dunque l’eliminazione del certificato verde per le attività all’aperto a partire dall’1 aprile, mentre sempre in questa data cesserebbe il Super Green Pass per hotel e mezzi di trasporto. Primi allentamenti ad aprile, quindi, e successivi a maggio, per un percorso graduale che porti alla totale eliminazione prima della stagione estiva.