fbpx

Messina, Mangano a StrettoWeb: “il Ponte sullo Stretto ha un senso se inserito in una strategia complessiva di sviluppo infrastrutturale di Sicilia e Calabria”

paolo mangano

Messina, Mangano a StrettoWeb: “la scelta del Sindaco De Luca di non amministrare più la città in vista delle prossime elezioni regionali va solo a discapito dei cittadini”

E’ consigliere comunale ed ex esponente del Movimento 5 Stelle, Paolo Mangano, giovane politico di Messina, ai nostri microfoni ci illustra la propria posizione sull’amministrazione De Luca, Ponte sullo Stretto, i motivi dell’abbandono del gruppo dei grillini e prossime elezioni comunali.

Cosa pensa del Ponte sullo Stretto?

“Non si colma così la distanza tra nord e sud. Il  ponte ha un senso se inserito in una strategia complessiva di sviluppo infrastrutturale di Sicilia e Calabria che tenga anche conto della messa in sicurezza del territorio. A queste condizioni sono favorevole, perché sarebbe un’opera strategica per valorizzare il meridione dal punto di vista della produttività, del lavoro e del commercio. Diversamente sarebbe un investimento inutile”.

Quando ha deciso di fuoriuscire dal M5S?

“Quando è venuto meno anche l’ultimo dei principi che lo fondavano. Quando il Movimento 5 Stelle è stato rifondato ho deciso di non aderirvi. È mancato il confronto tra gli attivisti, una carenza che non sono l’unico a lamentare. La mancanza di un vero dialogo politico rappresenta un problema anche a livello locale perché non esiste alcun Organo democratico che eserciti la funzione di Direzione politica. Questo limite diventa insormontabile quando si apprendono dalla stampa strategie di avvicinamento a forze politiche totalmente incompatibili con i principi fondativi del Movimento”.

Come valuta l’amministrazione De Luca?

“Assente al di fuori dei social. In questi primi anni ho mantenuto un deciso ruolo di opposizione, anche se ho votato favorevolmente i provvedimenti che ho ritenuto utili e necessari. La scelta del Sindaco di non amministrare  più la città in vista delle prossime elezioni regionali va solo a discapito dei cittadini. Mi auguro che il sindaco impari ad  apprezzare il lavoro propositivo dell’opposizione traendone stimolo per amministrare la città con il buon senso del padre di famiglia”.

Alle prossime elezioni comunali si ricandiderà? Se si, con chi?

“Ho avuto la fortuna di essere stato eletto all’età di 22 anni. Non è stata una cosa ricercata ma è chiaro che sarei ipocrita nel dire che non affronterei le prossime amministrative. Ritengo che bisogna sapersi mettere in gioco fin quando si crede di poter essere utile alla realizzazione di un progetto utile alla comunità. Per questo spero di poter portare avanti un disegno ambizioso, insieme a forze politiche concentrate efficacemente nella difesa e nel rilancio del nostro territorio”.