fbpx

Calendario venatorio stagione 2021/2022: la posizione di Federcaccia Calabria

caccia in sicilia e calabria

Nella giornata di ieri, 6 Agosto, si è riunita la Consulta Faunistico-Venatoria, con all’Ordine del giorno la definizione del Calendario Venatorio per la stagione 2021/22

In attesa dell’approvazione da parte della Giunta Regionale – che dovrebbe, come riferito dall’Assessore Gallo, avvenire il prossimo 11 Agosto – Federcaccia Calabria, al netto di alcune inopinate limitazioni su alcune aree ZSC della Rete Natura 2000, ritiene nel complesso quello illustrato un ottimo Calendario, per alcuni aspetti anche migliorativo rispetto a quello dello scorso anno, in linea con quanto proposto in sede di Consulta da Federcaccia unitariamente alle altre Associazioni Venatorie Calabresi (Libera Caccia, Enalcaccia, ArciCaccia, ANUUMigratoristi, Italcaccia). Si sottolinea positivamente infatti, come il calendario ricalchi sostanzialmente la proposta abbondantemente discussa e analizzata in sede di Consulta Faunistico-Venatoria.

In particolare si segnalano; le 5 giornate di preapertura, fissate nei giorni 1, 4, 5, 11 e 12 settembre, che vedranno consentita nelle prime due il prelievo della tortora per mezza giornata (in linea con le ultime disposizioni nazionali e comunitarie) e la possibilità dell’utilizzo dei cani da riporto per il recupero dei capi abbattuti in tutte e 5 le giornate. Il prelievo della quaglia anticipato nei giornate dell’11 e 12 settembre con l’ausilio per quelle giornate del cane da ferma e cerca oltre che da riporto. L’apertura generale fissata al 19 di settembre e la chiusura il 10 febbraio 2022. Il mantenimento fra le specie cacciabili della pavoncella.

Per quanto riguarda l’addestramento e allenamento cani questo sarà consentito già dall’approvazione del calendario fino al 12 settembre, eccezion fatta, come è ovvio, nelle giornate di preapertura sopra richiamate.

In riferimento alla VINCA, con effetto sulle Aree della Rete Natura 2000, si stigmatizza un approccio sproporzionato e ingiustificato nell’inibire alla caccia ben 15 ZSC sul territorio regionale: 5 in provincia di Cosenza, 2 in provincia di Crotone, 1 in provincia di Vibo, 5 in provincia di Reggio Calabria, cui si aggiungono in provincia di Catanzaro i Laghi La Vota, che si trovano peraltro in stato di inquinamento per mancanza di ricambio idrico e per questo verificheremo le attività poste in essere dall’Ente o soggetto gestore.

Sulla inibizione di queste aree e su qualche altra limitazione a nostro giudizio altrettanto ingiustificata, abbiamo chiesto che l’Assessorato e il Dipartimento alla caccia garantiscano l’approvazione del Calendario e al contempo provvedano a chiedere un riesame del procedimento di Valutazione di incidenza ambientale al fine di recuperare in tutto o in parte le inibizioni e/o limitazioni, operate dal Dipartimento Ambiente.

Federcaccia sul punto, come propria opera costante, farà pervenire ulteriori osservazioni e/o proposte di soluzione alla problematica.

Al netto delle comunque limitate inibizioni, si preannuncia quindi un calendario sostanzialmente equilibrato, che risponde alle attese generali e che soprattutto ha tenuto conto dei risultati scaturiti dai tavoli di confronto e concertazione.

Rimandiamo una più dettagliata disamina dei diversi articoli in un commento a ufficializzazione avvenuta.