Coronavirus, intervista a Pasquale Mario Bacco: “Al Sud il virus c’è, ma è meno letale grazie al clima”

sud italia

“Alla base della diffusione del Coronavirus ci sono solo le condizioni climatiche. E non è una grande novità”

“Il Coronavirus è in Italia da ottobre” sostiene Pasquale Mario Bacco, medico legale pugliese, intervistato dal giornale scientifico MeteoWeb. A questa conclusione Bacco è arrivato insieme al suo gruppo dopo mesi di ricerche, di dati incrociati e di volontà di capire quali fossero le vere origini del Sars-Cov2 e soprattutto quando davvero il nuovo Coronavirus sia arrivato in Italia. “Abbiamo trovato una concentrazione molto elevata di positivi tra fine febbraio e inizio marzo nel bresciano, con una concentrazione dell’81% di anticorpi di tipo G (cosiddetti ‘vecchi’), ovvero quelli che maturano tardivamente nelle infezioni. Ciò implica un salto di circa tre mesi e mezzo indietro, e indicando dunque una data tra il 15 e il 20 ottobre come momento in cui questi soggetti abbiano contratto il Coronavirus, abbiamo anche arrotondato per difetto“, precisa Bacco. Dunque se i soggetti presi in esame hanno contratto il virus in quel periodo, è assodato che in Italia, ad ottobre, circolasse già.

In Toscana, Emilia, Piemonte, Lombardia e Veneto, i medici hanno registrato concentrazioni di polmoniti interstiziali mai avute prima in Italia – prosegue il dott. Bacco –. A ottobre a Brescia ci sono state molteplici polmoniti collegate alla legionella, definite polmoniti atipiche. Mai negli ultimi decenni, in Italia, si era verificata una concentrazione così elevata di polmoniti. Il virus è presente da molto più tempo di quello che noi pensiamo, ma è probabile che per diventare maggiormente aggressivo debba trovare le condizioni climatiche ideali”.

Il clima, dunque, influisce sulla letalità e sull’incidenza del contagio. “Alla base di questo virus – precisa Bacco – ci sono solo le condizioni climatiche. E non è una grande novità”, infatti non serve nemmeno essere medici per capirlo: è un virus come tutti gli altri della sua famiglia, sebbene sia nuovo per l’uomo, e come gli altri si comporta. In genere le infezioni virali hanno una maggiore incidenza in inverno.Il governo brasiliano ci ha contattato per effettuare anche in Brasile la stessa valutazione fatta in Italia”, racconta Bacco che da mesi lotta contro chi vorrebbe far cadere nell’oblio il suo studio e i mesi di ricerche serrate. “Al Sud la concentrazione del virus è importante e nell’analizzare questo avranno un ruolo fondamentali i test sierologici. La Calabria, ad esempio, ha un’incidenza del 30 per cento circa, ma ha una letalità bassa per via del clima. Sta tutto nel clima“, sottolinea ancora il medico.

E in merito al vaccino? “Il vaccino servirà a ben poco. Il virus muta. Quello del morbillo, ad esempio, resta sempre uguale, quindi l’anticorpo rimane stabile e il vaccino ha un senso e soprattutto una enorme utilità. Nel caso del Coronavirus non è e non sarà mai così”. “E’ evidente che ci sono cose che noi non sappiamo – confida il medico –. Io non ho sponsor, non ho un marketing dietro. Della nostra ricerca si è parlato su molti giornali europei, ma mai in Italia, o almeno non senza cadere nella polemica politica e nella speculazione. Non è questo che io e i miei collaboratori vogliamo: noi vogliamo solo che ciò che abbiamo visto noi sia noto a tutti, perché sul Coronavirus c’è molta disinformazione“.