fbpx

Coronavirus, anche oggi ottime notizie dalla Calabria centrale: 2 soli nuovi casi tra le province di Catanzaro, Vibo e Crotone

province catanzaro crotone vibo

Coronavirus, ospedale Pugliese Ciaccio: 2 nuovi casi positivi

Sono 2 i casi positivi al coronavirus relativi ai tamponi processati nelle ultime ore nei laboratori dell’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro e relativi a residenti nelle province del capoluogo, di Crotone e e di Vibo Valentia. In particolare – riferisce il Bollettino del giorno emesso dall’Azienda ospedaliera catanzarese – i due soggetti interessati provengono uno nella provincia di Catanzaro e l’altro in quella di Crotone. In tutto i nuovi tamponi eseguiti sono 253 per un totale di test eseguiti pari a 5.935. Quindici i pazienti ricoverati nel reparto di Malattie infettive e solo uno in terapia intensiva.

Coronavirus in Calabria: guarite due dipendenti della Rsa di Chiaravalle Centrale

Sono guarite e sono rientrate nelle loro abitazioni due dipendenti della casa di cura per anziani “Domus Aurea” di Chiaravalle Centrale (Catanzaro), uno dei focolai di coronavirus in Calabria. Lo ha reso noto, in un videomessaggio su facebook, il sindaco Domenico Donato. Le due operatrici erano ricoverate nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale “Pugliese Ciaccio” e in una struttura di assistenza socio-assistenziale del quartiere Lido di Catanzaro. “Come amministrazione comunale – ha sostenuto Donato – abbiamo predisposto un servizio di navetta per andare a prendere queste due nostre concittadine e riportarle nel proprio domicilio. E ora sono a casa. E’ una bella notizia, perche’ diminuiscono i casi di positivita’ a Chiaravalle Centrale. Abbiamo i primi segnali che si guarisce e questo ci deve dare forza ad andare avanti. Al momento i positivi sono scesi a 18, speriamo – ha concluso il sindaco – di continuare cosi‘”. Nella casa di cura per anziani di Chiaravalle Centrale, nei giorni scorsi, si sono registrati oltre 70 casi di positivita’ tra anziani ospiti e operatori: al momento le vittime per coronavirus sono 22, tutti anziani degenti della Rsa.