A Messina la Convention Nazionale di Bioarchitettura

A Messina la Convention dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura: è la prima volta che Inbar sceglie la Sicilia per l’appuntamento più importante dell’anno

Dal 3 al 5 maggio al Capo Peloro Hotel di Messina, si svolgerà la Convention dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura. E’ la prima volta che l’INBAR sceglie la Sicilia per il suo appuntamento più importante dell’anno.
Per tre giorni si alterneranno relatori e gruppi di lavoro sulle tematiche legate all’ambiente e alla Bioarchitettura. L’evento, giovedì 2 maggio alle 12,00 verrà presentato in conferenza stampa nel Salone Ovale di Palazzo Zanca.

Convention 2019 e Assemblea Annuale dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura

“Da due anni– spiega il presidente nazionale Anna Carulli- l’Istituto ha attivato un processo di grande rinnovamento interno ed esterno di adeguamento alle mutazioni socio-economiche e professionali che stanno caratterizzando l’ultimo decennio. Rispetto a 30 anni fa, dentro e fuori dall’istituto, sono cambiate molte cose. I modelli progettuali che potevano essere visti e proposti come avanguardistici 30 anni fa, oggi sono diventati consuetudine.
E tale attuale consuetudine si può dire con orgoglio che sia stata raggiunta anche grazie al lavoro che l’Istituto, attraverso i suoi soci, ha svolto “sul campo” per decenni attraverso corsi, eventi, progetti e più in generale impegno.
Siamo quindi di fronte alla necessità di definire un nuovo modello, una nuova proposta, ancora “avanguardistica” e, soprattutto, di prospettiva, che consenta all’Istituto di ri-affermarsi nel ruolo innovatore, trainante e proponente che caratterizza, da sempre, la nostra identità e che gli ha consentito di attestarsi come l’associazione nazionale di settore più longeva in un panorama che nei decenni si è arricchito di mille figure, più o meno settoriali, più o meno idealiste, più o meno affariste, più o meno inseguitrici delle mutate finalità ambientali, progettuali, imprenditoriali e sociali.
Una delle principali peculiarità dell’Istituto è, storicamente, la sua piena autonomia da modelli di finanziamento estranei alle proprie forze, principalmente politici e lobbistici e/o aziendali. Questa caratteristica, questo modello, questo approccio resta un elemento di distinzione che rivela un “valore unico” nel panorama nazionale generale associazionistico e culturale.
Il percorso intrapreso– prosegue- ci ha arricchito di contributi importanti dai Componenti del Comitato Scientifico, Commissioni e Gruppi di lavoro, ai Presidenti di Sezione e Soci. Abbiamo siglato protocolli ed intese con il CNAPPC, il CNI, GBC Italia, Rete Iter per la promozione e utilizzo piattaforma riusiamo l’Italia, che ci ha permesso nei vari settori di operare una programmazione importante per tutti i Soci, valorizzando il nostro Elenco Esperti, nonché corpo docenti nelle specializzazioni, differenziandone le competenze.
La Convention annuale e l’Assemblea Nazionale dei soci- conclude- è un appuntamento importante preparato dal DN, che ci permetterà di approfondire i vari settori, per un confronto interno, e ci aiuterà a condividere le azioni e procedure che ci permetteranno di migliorare l’organizzazione del nostro Istituto“.

 


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE