Reggio Calabria ricorda il 47° anniversario della “Rivolta”

rivolta reggio 2Il 14 luglio 1970 il Popolo di Reggio Calabria insorse e si ribellò alla decisione del governo dell’epoca di privarla del ruolo di Capoluogo di regione. Nonostante siano passati 47 anni è sempre vivo e attuale lo spirito di quei Moti. Solo dopo 40 anni Reggio ha avuto il giusto, seppur tardivo, indennizzo con il riconoscimento del rango di Città Metropolitana. Negli anni ’90, il Consiglio Comunale reggino, deliberò la realizzazione di un monumento per ricordare quelle giornate e, successivamente, l’Amministrazione guidata da Italo Falcomatà commissionò allo scultore Michele Di Raco l’opera in bronzo che tutti conosciamo come monumento ai “Moti di Reggio Calabria”. L’opera venne inaugurata nel 2003 dal Sindaco Scopelliti, e da allora, ogni anno il 14 di luglio, il Sindaco pro-tempore o un suo rappresentante, depone, a nome della Città, una corona di fiori in memoria dei caduti. Per l’occasione, quindi, il “Comitato 14 luglio”, che raggruppa diverse sigle di associazioni, movimenti e partiti che da sempre si adoperano affinchè questa ricorrenza non cada nell’oblio, intendono celebrare questo anniversario, con diverse iniziative, nel ricordo anche delle 5 vittime (Labate, Campanella, Iaconis, Curigliano e Bellotti), delle centinaia di mutilati e feriti nel corso della protesta e delle angherie subite da tutta la città.

PROGRAMMA:

SABATO 8 LUGLIO: ORE 9,00-AZIONE DI PULIZIA DELLA VILLETTA “MARTIRI DELLA RIVOLTA” A CURA
DEI VOLONTARI DELLE VARIE ASSOCIAZIONI E MOVIMENTI

VENERDI 14 LUGLIO
ORE 18,00: DEPOSIZIONE DA PARTE DEL COMUNE DI UNA CORONA DI FIORI IN MEMORIA DEI
CADUTI PRESSO IL “MONUMENTO AI MOTI DI REGGIO” SITO SUL LUNGOMARE

ORE 18,30: MOMENTO DI RICORDO PRESSO LA STELE DEL SEN. CICCIO FRANCO

ORE 19,00: LIDO NET1 – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “FUORI DAL CORO”, CON LA PARTECIPAZIONE
DELL’AUTORE E DELLO STORICO FRANCO ARILLOTTA