Reggio Calabria, Cgil: “respingiamo al mittente il tentativo di voler gettare discredito sul nostro sindacato”

La Flc Cgil di Reggio Calabria respinge al mittente il tentativo rancoroso di voler gettare discredito sulla nostra funzione sindacale

cgil“La Flc Cgil di Reggio Calabria, in riferimento alle strumentali polemiche sollevate sull’operato sindacale di questa organizzazione e su quello delle proprie RSU, respinge al mittente il tentativo rancoroso di qualche ex dirigente del nostro sindacato, volto a gettare discredito sulla nostra funzione sindacale e su quella delle nostre RSU. La Flc Cgil è sempre stata, e sempre sarà, vicina ai lavoratori e alle loro esigenze, offrendo la giusta consulenza e gli opportuni consigli, senza mai pensare, “In primis”, a fare una tessera a tutti i costi. Siamo convinti che un’azione sindacale seria, e che si rispetti, debba essere condotta all’interno delle norme legislative e contrattuali, elementi questi, che ci consentono pertanto di distinguere le azioni giuste da intraprendere, rispetto a quelle sbagliate e dannose, prendendo infine le distanze, se necessario, da quei lavoratori indifendibili che ritengono il sindacato uno strumento di lotta per posizioni individuali da tutelarsi “a prescindere” dal merito delle questioni. Tentare di delegittimare l’operato di un’intera organizzazione, e in particolare modo della Rsu del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria, che ha sempre agito nel rispetto delle norme e a tutela dei lavoratori, è un’azione che si commenta da sola per la sua stessa inconsistenza. Con buon senso, trasparenza e nel rispetto delle norme vigenti, la Rsu della Flc Cgil del suddetto Liceo Scientifico, ha saputo agire prendendo le distanze da chi avrebbe voluto trascinare il nostro sindacato in questioni di evidente soccombenza ed avrebbe preteso la difesa dell’indifendibile. Bene ha fatto la Rsu, totalmente appoggiata dai vertici della nostra organizzazione, a pensare esclusivamente al bene della collettività scolastica. Infatti dopo il parere dell’Avvocatura dello Stato a sostegno del buon agire dell’Amministrazione, dopo una visita ispettiva, a cui è seguita la decisione di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale presa dal Direttore Generale Dott. Diego Bouchè ai danni del docente, che insieme al suo sindacato, diffama l’azione sindacale della Flc Cgil, sono arrivate anche due ordinanze di I e II grado del Tribunale del Lavoro di Reggio Calabria che confermano la piena legittimità della suddetta incompatibilità ambientale. Queste due ordinanze sono la prova oggettiva del fatto che la nostra Rsu ha agito correttamente e che ciò che è stato accertato nei vari passaggi istituzionali, era chiaro e prevedibile fin dall’inizio. L’accanimento che un certo sindacato di base ha nel diffamare l’equilibrata azione sindacale della Flc Cgil, non può dunque che trovare le sue radici profonde in rancori personali. Si stigmatizza pertanto il comportamento di chi pensa che la funzione sindacale sia quella di creare un caso mediatico per mettersi in evidenza, non riuscendo con i propri mezzi a trovare il giusto confronto con le Istituzioni dello Stato, compresa l’Istituzione terza della giustizia. Giustizia, che ribadiamo, ad oggi conferma l’infondatezza delle rivendicazioni poste dall’assistito del sindacato di base”, concludono Gianfranco Trotta ed Elisabetta Gambello.