Lega Pro, Catania-Messina: trovati 5 ordigni dentro lo stadio, arrestato ultrà messinese

Lega Pro, Catania-Messina: bombe e arresti a margine del sentitissimo derby siciliano

catania-messina-derby-4Un tifoso messinese di 30 anni, R.N, e’ stato arrestato dalla polizia per avere introdotto, all’interno dello Stadio Angelo Massimino, dove si disputava la gara di calcio Catania-Messina, una bomba carta. L’ultrá nascondeva l’ordigno addosso. All’interno dello stadio, durante il servizio di bonifica, sono stati trovati altro quattro ordigni in Curva Sud. I controlli della Digos sono stati potenziati in occasione della partita a cui hanno preso parte anche i tifosi giallorossi dopo 10 anni che le due tifoserie non di incontravano. I tifosi ospiti sono stati scortati dalle forze dell’ordine nel pre-gara e al termine della partita lungo tutto il tragitto fino all’autostrada Catania-Messina.

Sugli spalti del Massimino oggi pomeriggio per il Derby c’erano 9.496 spettatori, di cui 4.769 abbonati e 4.727 paganti. Tra questi, anche 287 sostenitori del Messina nel settore ospiti. L’incasso ammonta a 45.588 euro.